il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Per i tre operai della Fiat

Per i tre operai della Fiat

(25 Agosto 2010) Enzo Apicella
Melfi. La Fiat licenzia tre operai, il giudice del lavoro li reintegra, la Fiat li invita a rimanere a casa!

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

  • L’iniquità dell’Irpef
    (18 Gennaio 2022)
  • costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

    SITI WEB
    (Licenziamenti politici)

    Reintegro immediato al lavoro di Gianni Leone

    LIBERI DI AGIRE, LIBERI DI PENSARE

    (8 Luglio 2014)

    reintegroimmediato

    Il licenziamento di Giovanni Leone lavoratore dela SIM metalmeccanica di Priolo ricordano i tempi bui degli anni '60. E' dura repressione, atteggiamento antisindacale , spegnere la voce di un rappresentante eletto rsu - rls , scomodo per l'azienda . Dopo tre mesi dalla sua iscrizione alla Ns. Organizzazione dei Cobas di Siracusa, ha ricevuto provvedimenti disciplinari , anticamera per il suo succesivo licenziamento . Gli incontri con il rappresentante dell'azienda per dirimere e giustificare come per legge i provvedimenti sanzionatori, sono stati una farsa, per celare la punizione per loro , esemplare, già preordinata.La proprietà ha eliminato di fatto , un lavoratore ricco di dignità e coraggio ; ha sempre lottato per i suoi compagni di lavoro a tutela dei diritti calpestati e per l'emancipazione e il riscatto sociale .

    Siamo e saremo a fianco di Giovanni , in una realtà priolese e provinciale di forte crisi . L'industria ha ritrovato con alcuni sindacati collaborativi, la faccia, la vera faccia per rendere supini i propri lavoratori, ad accordi dubbi, al ribasso, come le cessioni delle aziende a compratori esteri e la delocalizzazione, poi accordi miserevoli concertati con Confindustria sui contratti e la succube posizione ad una legislazione repressiva, che passano sulla pelle dei lavoratori, come i provvedimenti disciplinari, vere tagliole, che aprono le porte ai licenziamenti; quindi ubbidienti e inquadrati ai diktat : o ci stai così o te ne vai ! noi non ci arrenderemo ! Ci mobiliteremo non solo davanti ai cancelli della Sim previsti per venerdi mattina e martedì nel primo pomeriggio sino a sera con presidi e corteo . Chiediamo giustizia ad un licenziamento immotivato e pretestuoso . Chiederemo con urgenza anche l’incontro con il prefetto . E’ ora di rafforzare la democrazia diretta nei posti di lavoro ! E’ ora di dare dignità ai lavoratori che lottano per la tutela dei propri diritti contro i soprusi dei padroni, costruiamo movimenti di lotta.

    Facciamo appello a tutti i cittadini, ai lavoratori , disoccupati, ai movimenti di lotta , per aderire alla manifestazione di martedì 8 luglio pomeriggio, dalle 17.30 ingresso del paese , lato Siracusa, sino al centro di Priolo, con comizio finale alle ore 20.00. Invitiamo stampa e tv ad essere presenti . Vogliamo il reintegro immediato al lavoro di Gianni Leone ! Solidarietà a Gianni !

    Siracusa 06.07.2014

    Confederazione dei Comitati di base Cobas Siracusa

    5985