il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Stato e istituzioni    (Visualizza la Mappa del sito )

Violenza sulle donne

Violenza sulle donne

(30 Aprile 2012) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

APPUNTAMENTI
(Stato e istituzioni)

SITI WEB
(Stato e istituzioni)

Stato e istituzioni:: Altre notizie

Pio La Torre. Presentazione a Torino con Manuela Mareso ed Ernesto Ugo Savona

Una tappa importante, nel contesto di una serie di iniziative tese a riportare al centro dell'azione politica contro la mafia la lezione civile di Pio La Torre

(12 Luglio 2014)

piolatorre

Mercoledì 16 luglio 2014, alle ore 19, presso la libreria Belgravia, via Vico Monforte 14/d, 10139 Torino, presentazione del libro "Pio La Torre legislatore contro la mafia", pubblicato da Edizioni di storia e studi sociali. Ne parlano Manuela Mareso, direttrice del mensile Narcomafie, ed Ernesto Ugo Savona, docente dell’Università Cattolica di Milano e direttore del Centro Transcrime.
Il libro propone, per la prima volta insieme, gli interventi di quasi un ventennio di attività parlamentare di Pio la Torre, all’ARS, alla Camera dei deputati, alla Commissione antimafia, e in questi contesti, le denunce del sacco di Palermo, la relazione di minoranza, gli anni di piombo siciliani, la lunga «incubazione» del 416-bis. In definitiva, scorre in rassegna l’evoluzione di un progetto politico che ha contribuito a fare la storia civile del Paese. Si tratta quindi di un’opera impegnativa, che la casa editrice «Edizioni di storia», interpretando una esigenza sempre più diffusa nel paese, è riuscita a portare a termine con il contributo redazionale di Felia Allum, Nicola Cipolla, Franco La Torre, Emanuele Macaluso, Carlo Ruta ed Ernesto Ugo Savona.

Pio La Torre legislatore contro la mafia, Discorsi e interventi parlamentari a cura di Carlo Ruta, con testi di Felia Allum, Nicola Cipolla, Franco La Torre, Emanuele Macaluso ed Ernesto Ugo Savona, Edizioni di storia e studi sociali, pp. 330, euro 20.

Per contatti: Libreria Belgravia tel. 011.3852921

(Dal testo introduttivo di Carlo Ruta) «Già a partire dagli anni sessanta, La Torre convogliava una parte consistente della sua analisi e della sua inchiesta su un terreno che nelle sedi istituzionali del paese era ancora off-limits. Era quello delle ricchezze di origine criminale e degli intrecci tra criminalità organizzata e mondo economico-finanziario. Non si trattava propriamente di una scoperta. Questo profilo della questione mafiosa, in particolare quello del riciclaggio dei proventi di contrabbando e droga, era al centro dell’inchiesta giornalistica del giornale «L’Ora», sotto la direzione di Vittorio Nisticò, e baluginava, per quanto a volte in forme imprecise, nell’investigazione di Michele Pantaleone. Ma La Torre, che alle sue cognizioni sulla mafia, già importanti, poteva associare quelle di non pochi conoscitori profondi del fenomeno legati a lui dalla militanza nel PCI, da Ruggero Grieco a Girolamo Li Causi, da Nicola Cipolla a Pompeo Colajanni, da Giuseppe Berti a Emanuele Macaluso, non mirava solo alla constatazione e alla denuncia di questo e di altri profili criminali. Dalle sedi istituzionali in cui operava, sostenuto dal suo volontarismo gramsciano e, insieme, dal suo pragmatismo, egli puntava ben oltre: a tradurre la conoscenza, la denuncia e l’inchiesta in azioni concrete e legali di contrasto e in leggi.»

(Dalla testimonianza di Nicola Cipolla) «Assieme a Pio organizzammo le riunioni dei comitati federali, le assemblee di sezione e la mobilitazione di compagni particolarmente esperti per la redazione e approvazione delle relazioni delle federazioni che costituiscono un primo nucleo importante degli allegati alla relazione di minoranza. Il PCI in Sicilia, attraverso l’azione della Commissione parlamentare antimafia e l’elaborazione di queste relazioni voleva adeguare la propria piattaforma di lotta di fronte ai mutamenti nei rapporti tra mafia e politica che la caduta di Restivo, prima e l’ avvento dei tre fanfaniani dopo, aveva creato. Pio voleva unire a questi documenti del PCI il memoriale, inviato alla direzione della DC da un gruppo di democristiani entrati in contrasto con Gioia, ministro della Marina mercantile alleato con Ciancimino che promosse a sindaco di Palermo e naturalmente in contrasto con Lima. Riguardando l’elenco degli allegati presenti negli archivi di Camera e Senato, mi sono accorto che manca proprio il libro bianco delle minoranze DC inviato il 17 novembre 1970 all’on. Luigi Scalfaro, diventato dirigente organizzativo centrale della DC, e reso noto integralmente dal giornale «L’Ora» nell’edizione dell’11 dicembre 1970. Pio La Torre aveva chiesto che sia il documento sia la fotocopia dell’articolo fossero allegati alla relazione di minoranza con il doppio scopo di paragonare la vita interna del PCI, che cercava di individuare una nuova piattaforma di lotta contro l’affermarsi di quello che Chinnici aveva definito coma una «nuova feudalità» e d’altro canto il documento della corrente legata a Lima che svelava la natura e gli obiettivi dello scontro esistente nella DC.»

Edizioni di Storia

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Notizie sullo stesso argomento

3258