il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Save Our System

Save Our System

(30 Luglio 2011) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Capitale e lavoro)

l'Istat dice che il paese è in recessione

(30 Agosto 2014)

I rapporti Istat fotografano un paese la cui economia è in fase recessiva, solo in agosto si sono persi 40 mila posti di lavoro
A farne le spese soprattutto le regioni del meridione con la chiusura di tante aziende e la fine degli ammortizzatori sociali per chi il lavoro lo ha perso da anni

La riduzione tendenziale dell'occupazione italiana (-105.000 unità) si accompagna alla crescita di quella straniera (+91.000 unità) per lo piu' in lavori sottopagati , ferocemente sfruttati e part time ma attenzione la percentuale dei posti di lavoro per gli stranieri è irrisoria e sembra assumere connotati maggiori solo perchè la forza lavoro italiana è in costante calo .
Cio' nonostante nel bimestre luglio e agosto gli infortuni e le morti sul lavoro non sono diminuiti e anzi stanno aumentando soprattutto in rapporto con la riduzione della forza lavoro e delle ore lavorate

Forte la flessione degli occupati a tempo pieno (-0,5%, pari a -89.000 unità rispetto al secondo trimestre 2013), che in quasi due terzi dei casi riguarda i dipendenti a tempo indeterminato (-0,5%, pari a -57.000 unità). Gli occupati a tempo parziale continuano ad aumentare (+1,9%, pari a 75.000 unità), ma la crescita riguarda esclusivamente il part time involontario che riguarda il 64,7% dei lavoratori a tempo parziale.

E' evidente che il part time va sostituendo il full time, aumentano i carichi di lavoro e si riducono gli stipendi e con esso il potere di acquisto e il crollo occupazionale colpisce duramente il lavoro autonomo a smentire chi per anni ha intravisto in esso una alternativa al lavoro dipendente
Questi dati dimostrano che il nostro paese è fermo, l'economia stagnante e la sola ricetta del governo è preparare le grandi opere e precarizzare il lavoro smantellando i posti di lavoro oggi esistenti nella pubblica amministrazione. Lo stato non investe nell'economia e nella ricerca, gli industriali delocalizzano e chiedono sgravi fiscali oltre alla piena libertà di licenziamento per i primi anni di occupazione

La cura fatta di austerità e contenimento della spesa sta salvando gli interessi finanziari ma affama la classe lavoratrice italiana
questo in sostanza dice il rapporto istat su occupati e disoccupati di fine agosto 2014

http://www.istat.it/it/archivio/130451

cobas pubblico impiego pisa

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Il capitalismo è crisi»

Ultime notizie dell'autore «Cobas Pisa»

8547