IL PANE E LE ROSE - classe capitale e partito
La pagina originale è all'indirizzo: http://www.pane-rose.it/index.php?c3:o44645

 

GLI OMICIDI, GLI ASSASSINI

(16 Settembre 2014)

gliomicidigliassassi

Riferiscono le agenzie di stampa che un membro della Commissione Europea ha affermato che le morti dei migranti nel Mediterraneo non sono incidenti ma omicidi.
Dice bene, e sa quel che dice.
Poiché gli assassini sono proprio i governanti dell'Unione Europea e degli Stati che ne fanno parte.
*
C'è un modo semplicissimo per salvare tutte le vite che oggi periscono nel Mediterraneo: consentire a tutti gli esseri umani di muoversi liberamente sull'unico pianeta casa comune dell'umanità intera.
Ovvero: riconoscere a tutti gli esseri umani in fuga dalla miseria, dalle persecuzioni e dall'orrore il diritto di salvare la propria vita trovando accoglienza e assistenza nel nostro paese, nel nostro continente.
Basterebbe abolire le vigenti misure razziste e assassine, e far valere le norme buone, vere e giuste scritte nella Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, nella Carta dei Diritti Fondamentali dell'Unione Europea, nella Costituzione della Repubblica Italiana; norme che potremmo sintetizzare così in una formula sola: è dovere di ogni essere umano, e quindi di ogni ordinamento giuridico, adoperarsi per salvare la vita di ogni essere umano.
*
Siano immediatamente abrogate le scellerate misure naziste che stanno provocando la strage nel Mediterraneo.
Sia consentito a tutti gli esseri umani di entrare in Italia e in Europa in modo legale e sicuro.
Si organizzi un servizio di trasporto pubblico e gratuito per permettere a chi è in fuga dalla morte di giungere incolume nel nostro paese, nel nostro continente.
Vi è una sola umanità.
Ogni essere umano ha diritto alla vita, alla dignità, alla solidarietà.

Viterbo, 16 settembre 2014

Il "Centro di ricerca per la pace e i diritti umani"

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «La tolleranza zero»

Ultime notizie dell'autore «"Centro di ricerca per la pace e i diritti umani" di Viterbo»

4088