il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

La primavera americana

La primavera americana

(3 Ottobre 2011) Enzo Apicella
A New York la polizia interviene contro i manifestanti che protestano contro il capitalismo finanziario e la manovra "anticrisi". Settecento arresti

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Flessibili, precari, esternalizzati)

Assemblee dei facchini: 16 ottobre è sciopero!

(22 Settembre 2014)

assefacchi

Sala come sempre gremita da centinaia di operai e moltissimi compagni di lotta dei facchini, dagli studenti medi fino agli occupanti di case. E' la prima assemblea operaia dell'autunno e si percepisce subito che il clima è quello dell'attesa. A Bologna si inizia intorno alle 16h mentre già in molte altre città soprattutto del Nord Italia, ma non solo, sono cominciati i momenti di confronto e proposta di programma. Dopo una breve introduzione dedicata alla presa in considerazione della fase, Aldo Milani, coordinatore nazionale S.I.Cobas, lancia lo sciopero dell'intero settore della logistica per il 16 ottobre seguito da un lungo applauso. L'assemblea bolognese del sindacato di base, insieme anche all'ADL Cobas, rilancia con determinazione l'agenda di lotta inserita in un lungo percorso collettivo di conflitto, che sul piano delle relazioni e reciprocità con molte altre istanze dell'antagonismo sociale agli effetti della crisi e dell'austerità, fonda le sue radici nelle straordinarie mobilitazioni dello scorso autunno. In Val Susa lo scorso luglio i movimenti contro la crisi e una buona parte del sindacalismo conflittuale si erano pronunciati per costruire giornate collettive di lotta e il 16 ottobre sembra ormai avere tutte le caratteristiche giuste per sperimentare insieme primi passi verso questa direzione.Dopo l'intervento introduttivo prendono parola numerosi delegati che alternano analisi sulle nuove strategie di sfruttamento e repressione nei magazzini della logistica successive alla prima grande ondata di rivolta nel settore, a considerazioni che valorizzano il 16 ottobre come data centrale per il contrattacco dei facchini. Ma gli applausi si fanno più forti quando prendono parola le operaie della Yoox che raccontano la loro lotta di dignità e rilanciano con grande entusiasmo tutte le proposte avanzate precedentemente. Dopo di loro interviene il Laboratorio Crash che approfondisce il discorso sullo sciopero connettendolo alle tante esperienze di lotta sociale che hanno già dichiarato di voler fare del 16 ottobre la giornata dello Sciopero Metropolitano. Si fa riferimento continuo all'unità concreta e non retorica delle lotte che ormai segna virtuosamente le forme del conflitto nel territorio bolognese da più di un anno e che il 14 ottobre sotto lo slogan “blocchiamo tutto” promette di mostrare la sua forza. “C'è qualcuno che ha provato a dividerci, ma non ci sono riusciti! Il 16 ottobre sarà sciopero e bloccheremo la città, le scuole, le università, e i magazzini della logistica. Uniti, uniti, siamo uniti!”. Riprendono lo slogan anche gli altri interventi degli operai S.I.Cobas, di Cobas Privato e dei collettivi autonomi bolognesi, e anche modenesi che sperimenteranno nell'altra città emiliana la giornata di sciopero sociale.

Sono molte le impressioni che dopo la bella assemblea di ieri andranno considerate per continuare ad aprire spazi di convergenza collettiva, ma una cosa è già certa: in Italia ci sono delle lotte organizzate da parte del sindacalismo conflittuale o dalle esperienze di autorganizzazione sociale e dai collettivi autonomi che mantengono le promesse e gli intenti annunciati, il 16 ottobre sarà Sciopero della logistica, sociale e metropolitano.

Infoaut

6477