il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Stato e istituzioni    (Visualizza la Mappa del sito )

Trayvon

Trayvon

(20 Luglio 2013) Enzo Apicella
Assolto il vigilante George Zimmerman che nel 2012 uccise il 17enne nero Trayvon Martin

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Storie di ordinaria repressione)

  • Senza Censura
    antimperialismo, repressione, controrivoluzione, lotta di classe, ristrutturazione, controllo

Pistole elettriche Taser agli agenti E domani il debutto delle actioncam

(1 Ottobre 2014)

Polizia. Primo sì dalle commissioni Giustizia e Affari costituzionali della Camera

taseragents

Tele­ca­mere sulla divisa e pistola elet­trica Taser. Aspet­tando la «cura dima­grante» per i cin­que corpi delle forze dell’ordine pro­messa da Renzi e osteg­giata dai sin­da­cati di cate­go­ria, nel frat­tempo ci si pre­para a for­nire agli agenti di poli­zia un nuovo arma­men­ta­rio. Ieri le com­mis­sioni Giu­sti­zia e Affari costi­tu­zio­nali della Camera hanno dato il primo via libera all’utilizzo in via spe­ri­men­tale della pistola Taser che «nel Nor­da­me­rica (Usa e Canada) ha mie­tuto almeno 864 vit­time dal 2001», secondo quanto denun­ciato da Amne­sty inter­na­tio­nal, appro­vando un emen­da­mento del ber­lu­sco­niano Gre­go­rio Fon­tana al decreto legge sugli stadi.

Intanto, sem­pre ieri, il Garante della Pri­vacy ha dato parere posi­tivo all’uso delle mini tele­ca­mere indos­sa­bili sulle divise degli agenti «nel corso di mani­fe­sta­zioni pub­bli­che, ma solo in caso di effet­tiva neces­sità», giu­sto in tempo per il ver­tice della Bce che si terrà domani a Napoli e per il quale è pre­vi­sto l’esordio uffi­ciale delle action­cam, dopo mesi di spe­ri­men­ta­zione nei dipar­ti­menti di pub­blica sicu­rezza di Roma, Torino, Milano e della stessa città partenopea.

L’emendamento al decreto Stadi (che ora passa al vaglio dell’Aula) è stato appro­vato nella nuova for­mula voluta dal vice­mi­ni­stro Filippo Bub­bico, secondo la quale la spe­ri­men­ta­zione della pistola Taser deve avve­nire «con le neces­sa­rie cau­tele per la salute e l’incolumità pub­blica e secondo prin­cipi di pre­cau­zione e pre­via intesa con il mini­stro della Salute».

Ad opporsi, sol­tanto Daniele Farina (Sel) e Ema­nuele Coz­zo­lino (M5S) per­ché, tra le altre cose, la spe­ri­men­ta­zione di una nuova arma «non è esi­genza urgente e neces­sa­ria tale da essere inse­rita in un decreto legge». Al con­tra­rio esul­tano i Fun­zio­nari di poli­zia (che invi­tano però a «impie­gare già nella fase spe­ri­men­tale Taser che dispon­gono di un sistema di video­re­gi­stra­zione con­nesso auto­ma­ti­ca­mente al loro uso, come avviene già in Fran­cia») e il cen­tro­de­stra; in par­ti­co­lare, manco a dirlo, il vice pre­si­dente del Senato Mau­ri­zio Gasparri.

Il for­zi­sta Fon­tana invece quasi nic­chia, inti­mo­rito dalle con­di­zioni poste nella rifor­mu­la­zione di Bub­bico che, dice, «c’è da augu­rarsi che non si tra­sfor­mino in una mano­vra osta­tiva verso un’operazione di ammo­der­na­mento tec­no­lo­gico», tanto più che, sostiene con­fu­tando i dati di Amne­sty, «la Taser, come è noto, è un’arma di dis­sua­sione non letale: essa pro­duce una sca­rica elet­trica che rende la per­sona col­pita inof­fen­siva per alcuni secondi, suf­fi­cienti alle forze dell’ordine per arre­starla. Il suo uti­lizzo, per­tanto, con­tri­bui­sce sia a ridurre i rischi per l’incolumità per­so­nale degli agenti sia a ridi­men­sio­nare dra­sti­ca­mente il numero delle vit­time nelle ope­ra­zioni di pub­blica sicu­rezza, come dimo­stra l’esperienza di molti Paesi avan­zati, tra cui gli Stati Uniti, il Regno Unito, la Fran­cia e la Svizzera».

Amne­sty invece ricorda le «con­se­guenze mor­tali su sog­getti con disturbi car­diaci» o in con­di­zioni di debo­lezza fisica per­ché, al momento di essere “tase­riz­zati”, erano sotto «l’effetto di alcol o dro­ghe» o «ancora per­ché sotto sforzo, ad esem­pio al ter­mine di una col­lut­ta­zione o di una corsa».

Da domani, invece, a Napoli, si pas­serà alla fase due della spe­ri­men­ta­zione delle mini tele­ca­mere che gli agenti in tenuta anti­som­mossa appli­cano al gilet tat­tico atti­van­dole in base alle indi­ca­zioni del fun­zio­na­rio di piazza. Nel suo parere, il Garante della pri­vacy ha ricor­dato che le regi­stra­zioni, da effet­tuare solo «ove vi sia effet­tiva neces­sità in occa­sione di mani­fe­sta­zioni pub­bli­che», ossia «nel caso di insor­genza di con­crete e reali situa­zioni di peri­colo di tur­ba­mento dell’ordine e della sicu­rezza pub­blica», devono rispet­tare i prin­cipi del Codice sul trat­ta­mento dei dati per­so­nali. Le imma­gini riprese, dun­que, dovranno essere «per­ti­nenti e non ecce­denti rispetto alle fina­lità per le quali sono rac­colte», «dovranno essere con­ser­vate per un periodo di tempo limi­tato e poi can­cel­late», e infine «nel caso si siano effet­tuate riprese in occa­sione di situa­zioni di pre­sunto peri­colo per l’ordine e la sicu­rezza pub­blica poi non con­cre­tiz­za­tosi, deve essere dispo­sta la tem­pe­stiva can­cel­la­zione delle immagini».

Eleonora Martini, il manifesto

7076