il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Prima le donne e i bambini

Prima le donne e i bambini

(22 Febbraio 2009) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

  • Sostenere e rafforzare la stampa comunista!
    (9 Dicembre 2019)
  • costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

    SITI WEB
    (Capitale e lavoro)

    Capitale e lavoro:: Altre notizie

    Pontedera, 8 ottobre: Assemblea provinciale dei lavoratori

    (7 Ottobre 2014)

    Lavoratori e delegati della Piaggio e della Continental organizzano la prima assemblea provinciale aperta a tutti i lavoratori per mercoledì 8 ottobre alle ore 21.00 a Pontedera.Partecipate numerosi!

    pontedera

    RIDURRE TUTTI I LAVORATORI AL SILENZIO E ALLA MISERIA

    Le tutele previste dall’Articolo 18 sono già state ridotte al minimo dalla Fornero due anni fa. Per di più, riguardano solo i lavoratori nelle aziende con oltre 15 dipendenti. Ma allora perché oggi Governo e padroni sono così scatenati nel volerlo abolire del tutto?
    Bisogna tener presenti due cose:
    1. I lavoratori delle aziende medie e grandi sarebbero in condizioni di ricattabilità ben più pesanti se potessero essere licenziati in ogni momento senza vincoli, a discrezione dei padroni.
    2. E’ la loro forza che ha permesso di conquistare e mantenere negli anni le tutele legislative dello Statuto dei Lavoratori. E’ questa forza che ha permesso di estendere e garantire, attraverso i Contratti Nazionali, condizioni di lavoro più civili a tutti i lavoratori. Questa forza è il solo vero ostacolo alle mire padronali.

    E’ allora chiaro che il primo obiettivo di tutto l’attacco all’art. 18 è quello di indebolire questa forza, è quello di costringerla al silenzio attraverso il ricatto quotidiano del posto di lavoro.
    Il secondo obiettivo dei padroni, è quello di estendere a tutti le condizioni di lavoro, di salario e di miseria a cui sono già costretti i lavoratori precari, gli occupati secondo le regole del Nuovo Lavoro Riformato. In particolare, i lavoratori più anziani, anche ancora lontani dalla pensione, potranno essere licenziati in massa e sostituiti con lavoratori senza diritti.
    Per anni è stato favorito con tutti i mezzi il dilagare di ogni forma di lavoro precario e con la crisi economica è diventata drammatica anche la condizione dei lavoratori delle piccole aziende. Ora si vorrebbero usare strumentalmente questi lavoratori per completare un’opera che è loro obiettivo storico: avere mano libera su tutto il lavoro, ridurre TUTTI i lavoratori al silenzio e alla miseria.

    Ma negli ultimi anni le offensive padronali ci hanno insegnato due cose:

    1. Ogni cedimento ne genera un altro. Intaccato l’art. 18 due anni fa, oggi ne vogliono l’abolizione. Le pensioni del 2012 sono l’ultimo atto di un attacco iniziato nel ’95. I Contratti Nazionali vengono svuotati per abolirli alla prima occasione.
    2. I lavoratori devono difendersi con le proprie forze. E’ illusorio aspettare da altri la difesa dei propri diritti

    E’ necessario che i lavoratori e le RSU che già altre volte hanno saputo reagire con forza e determinazione riprendano la mobilitazione per contrastare questa nuova offensiva.Per discutere della situazione e di possibili iniziative di lotta comuni sul territorio convochiamo una


    ASSEMBLEA PROVINCIALE DEI LAVORATORI

    mercoledi 8 ottobre alle ore 21 a Pontedera ,
    presso centro sete sois e sete luas in via Rinaldo Piaggio
    di fronte alla portineria Piaggio lato stazione.

    Lavoratori e delegati della Piaggio e della Continental

    Condividi questo articolo su Facebook

    Condividi

     

    Ultime notizie dell'autore «il Manifestino dei Lavoratori Piaggio»

    5537