il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Paura di democrazia

Paura di democrazia

(1 Febbraio 2011) Enzo Apicella
Israele guarda con preoccupazione alla rivolta in Egitto

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Capitale e lavoro)

Capitale e lavoro:: Altre notizie

Pontedera, 8 ottobre: Assemblea provinciale dei lavoratori

(7 Ottobre 2014)

Lavoratori e delegati della Piaggio e della Continental organizzano la prima assemblea provinciale aperta a tutti i lavoratori per mercoledì 8 ottobre alle ore 21.00 a Pontedera.Partecipate numerosi!

pontedera

RIDURRE TUTTI I LAVORATORI AL SILENZIO E ALLA MISERIA

Le tutele previste dall’Articolo 18 sono già state ridotte al minimo dalla Fornero due anni fa. Per di più, riguardano solo i lavoratori nelle aziende con oltre 15 dipendenti. Ma allora perché oggi Governo e padroni sono così scatenati nel volerlo abolire del tutto?
Bisogna tener presenti due cose:
1. I lavoratori delle aziende medie e grandi sarebbero in condizioni di ricattabilità ben più pesanti se potessero essere licenziati in ogni momento senza vincoli, a discrezione dei padroni.
2. E’ la loro forza che ha permesso di conquistare e mantenere negli anni le tutele legislative dello Statuto dei Lavoratori. E’ questa forza che ha permesso di estendere e garantire, attraverso i Contratti Nazionali, condizioni di lavoro più civili a tutti i lavoratori. Questa forza è il solo vero ostacolo alle mire padronali.

E’ allora chiaro che il primo obiettivo di tutto l’attacco all’art. 18 è quello di indebolire questa forza, è quello di costringerla al silenzio attraverso il ricatto quotidiano del posto di lavoro.
Il secondo obiettivo dei padroni, è quello di estendere a tutti le condizioni di lavoro, di salario e di miseria a cui sono già costretti i lavoratori precari, gli occupati secondo le regole del Nuovo Lavoro Riformato. In particolare, i lavoratori più anziani, anche ancora lontani dalla pensione, potranno essere licenziati in massa e sostituiti con lavoratori senza diritti.
Per anni è stato favorito con tutti i mezzi il dilagare di ogni forma di lavoro precario e con la crisi economica è diventata drammatica anche la condizione dei lavoratori delle piccole aziende. Ora si vorrebbero usare strumentalmente questi lavoratori per completare un’opera che è loro obiettivo storico: avere mano libera su tutto il lavoro, ridurre TUTTI i lavoratori al silenzio e alla miseria.

Ma negli ultimi anni le offensive padronali ci hanno insegnato due cose:

1. Ogni cedimento ne genera un altro. Intaccato l’art. 18 due anni fa, oggi ne vogliono l’abolizione. Le pensioni del 2012 sono l’ultimo atto di un attacco iniziato nel ’95. I Contratti Nazionali vengono svuotati per abolirli alla prima occasione.
2. I lavoratori devono difendersi con le proprie forze. E’ illusorio aspettare da altri la difesa dei propri diritti

E’ necessario che i lavoratori e le RSU che già altre volte hanno saputo reagire con forza e determinazione riprendano la mobilitazione per contrastare questa nuova offensiva.Per discutere della situazione e di possibili iniziative di lotta comuni sul territorio convochiamo una


ASSEMBLEA PROVINCIALE DEI LAVORATORI

mercoledi 8 ottobre alle ore 21 a Pontedera ,
presso centro sete sois e sete luas in via Rinaldo Piaggio
di fronte alla portineria Piaggio lato stazione.

Lavoratori e delegati della Piaggio e della Continental

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie dell'autore «il Manifestino dei Lavoratori Piaggio»

5399