il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Omaggio al principe

Omaggio al principe

(11 Dicembre 2010) Enzo Apicella
Londra. Una manifestazione di studenti contro l'aumento delle tasse universitarie assalta il Ministero del tesoro, la Corte suprema e... la Rolls di Carlo e Camilla

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

APPUNTAMENTI
(Capitale e lavoro)

SITI WEB
(Flessibili, precari, esternalizzati)

Bologna 10 ottobre: la lotta degli studenti continua a testa alta, adesso blocchiamo tutto!

(10 Ottobre 2014)

Da infoaut

bolo10

Non era affatto scontato che, per la seconda volta nel giro di due settimane, Bologna venisse riempita da centinaia di studenti, che con un corteo non-autorizzato hanno bloccato le strade ed i viali. Nel tragitto sono state colpite le fermate degli autobus di #TperTruffa (così abbiamo rinominato l'azienda di trasporti bolognese) e dopo un lungo blocco dei viali abbiamo terminato il corteo sanzionando la concessionaria della Lamborghini, coinvolta nel progetto di “scuola dei mestieri” alle Aldini e quindi complice della aziendalizzazione della scuola.

Il corteo di oggi era, come quello del 3 Ottobre, un corteo determinato a far sentire la propria voce e rifiutare tutti gli aspetti della crisi che si abbattono sui giovani e sugli studenti: scuole che ci crollano addosso e in cui mancano materiali e personale; un futuro di disoccupazione e sacrifici; un presente di continue spese tra caro-libri, caro-trasporti, contributi scolastici eccetera, che non sappiamo come permetterci non avendo alcuno stipendio.

Quello che ancora di più ci fa rabbia è vedere Renzi proporre le sue riforme sul lavoro e sulla scuola come se rappresentassero una soluzione a questi problemi, mentre sappiamo che sono l'esatto opposto. Il Jobs Act e la cosiddetta “Buona scuola” continuano in maniera lineare il processo di aziendalizzazione della scuola e precarizzazzione del lavoro che la Gelmini, poi Monti e tutti gli altri predecessori di Renzi hanno portato avanti.

Questo è ciò che ci ha spinto a mobilitarci in tutta Italia in decine e decine di città, da Torino a Palermo, il nostro #IoNonCiSto ha fatto parlare tante piazze del rifuto di questa condizione di speculazione, sfruttamento e precarietà a cui i giovani sono condannati ed ha respinto fortemente le manovre di tagli e austerità che Renzi e il suo governo stanno attuando.

La nostra lotta però è solo all'inizio, lo abbiamo annunciato da tempo e oggi un grande striscione astato lo ribadiva: “16 OTTOBRE: BLOCCHIAMO BOLOGNA!”. Giovedì prossimo molte scuole si daranno appuntamento per bloccare le porte dei viali per tutta la mattinata e continuare a testa alta con il percorso di rivendicazioni che abbiamo iniziato, tutto questo avverrà nella giornata di sciopero sociale in tutta Italia. Insieme a noi ci saranno quindi altri blocchi di precari, disoccupati, studenti universitari, occupanti di case, facchini. Tutti insieme e tutti uniti non lasceremo che i nostri diritti vengano calpestati ancora una volta!

Lunedì 13 Ottobre ci sarà un'assemblea di coordinamento di tutte le scuole che vorranno bloccare i viali il #16ott, ci ritroviamo alle 17 in piazza XX Settembre.

Collettivo Autonomo Studentesco

6646