il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Stato e istituzioni    (Visualizza la Mappa del sito )

Dove volano i salami

Dove volano i salami

(2 Maggio 2010) Enzo Apicella
Arrestati undici 'Falchi' della polizia di Napoli, per aver "ripulito" il carico di un tir rapinato

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Storie di ordinaria repressione)

  • Senza Censura
    antimperialismo, repressione, controrivoluzione, lotta di classe, ristrutturazione, controllo

Taranto: condanne a chi lotta per il lavoro - ma continua la lotta

(23 Ottobre 2014)

7 mesi e 5 mesi - non sono mesi di lavoro,
sono i mesi di reclusione comminati ieri dalla Giud. Romano ai Disoccupati
Organizzati Slai cobas di Taranto, Massimo Portacci (7 mesi) e a Francesco
Tagliente (5 mesi)

"Colpevoli" di cosa? Di lottare per il lavoro! Di non piegarsi a elemosinare un posto di lavoro al sindaco o all'assessore, al politico, alla malavita (che, come viene fuori dai recenti arresti, bellamente convivono); ma di organizzarsi insieme a tanti altri disoccupati e pretendere che i sepolcri imbiancati dei consigli comunali facciano qualcosa di utile, altrimenti è giusto occuparli, perchè in queste sale in cui le uniche grida si alzano per interessi di bottega da parte della maggioranza dei consiglieri e assessori, si senta con forza la voce e la protesta dei disoccupati.

La Giudice ha pronunciato la sentenza "in nome del popolo italiano".

Ma di quale popolo!
Del popolo dei migliaia di disoccupati e disoccupate che non vedono alcuna
prospettiva di lavoro?
Del popolo dei lavoratori che a Taranto devono lavorare in appalti pubblici a miseri orari e retribuzioni in contrasto con la legge e i contratti? (su questo la magistratura non dice nulla? Eppure sono depositati decine di esposti dello slai cobas!)
Del popolo di chi ogni giorno perde il lavoro perchè i padroni per aumentare i loro profitti tagliano il costo del lavoro e i diritti)
Delle tante donne, ragazze madri che tremano anche per una febbre di un loro figlio perchè non hanno neanche soldi per le medicine?
ecc. ecc.

NON OSATE PARLARE E CONDANNARE CHI LOTTA "IN NOME DI QUESTO POPOLO". Parlate del vostro popolo che a Taranto nega la salute, il lavoro, il futuro, la
vita. combattivo, prolungato.

MA LA REPRESSIONE NON PUO' FERMARE LA PROTESTA!


I Disoccupati Organizzati Slai cobas continuano la lotta per il lavoro e il salario garantito e già domani saranno in presidio sotto palazzo di città.

E impugneranno questa vergognosa sentenza e già nei mesi scorsi hanno fatto
loro la denuncia contro i Vigili e il sindaco per l'aggressione violenta contro i disoccupati del 22 maggio scorso, tra cui proprio Massimo e Francesco.

Disoccupati Organizzati Slai cobas - Taranto

5870