il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Grazie Londra

Grazie Londra

(27 Marzo 2011) Enzo Apicella
Londra. In 500.000 contro il governo Cameron. Assaltati negozi, banche e anche Fortnum & Mason, l'esclusivo negozio di tè a Piccadilly

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Lotte operaie nella crisi)

CONTRO IL GOVERNO DI POLIZIA E ANTIPOPOLARE,
IL 14 NOVEMBRE SCIOPERO, SCIOPERO GENERALE”!

(30 Ottobre 2014)

controilgovernoantipo

Mille operai delle Acciaierie di Terni a Roma, il 29 ottobre, contro il licenziamento di 600 di loro.
Mille persone che il governo Renzi considera nemici da trattare con la legge scippa-diritti, chiamata “jobs act”, e con una manovra economico-finanziaria “lacrime e sangue”, chiamata “legge di stabilità”.
E se sono nemici, vanno trattati senza tanti complimenti, stesso trattamento già riservato ai no tav, al movimento dell'abitare. Una repressione non nuova quella del Governo Renzi solo che questa volta a esserne vittima è la cgil che ha sempre guardato come pericolosi estremisti i sindacati di base, i movimenti dell'abitare e quelli a difesa dell'ambiente che avevano sperimentato arresti, cariche e manovre repressive dalla "democratica" polizia

Così, mentre il corteo stava dirigendosi verso il Ministero dello sviluppo economico e delle attività produttive, le forze di polizia si sono scagliate contro gli operai e a suon di manganellate hanno mostrato di che pasta è fatto il governo del bullo già sindaco di Firenze: botte a tutto spiano, teste rotte, visi ricoperti di sangue, colpiti anche il segretario della Fiom/Cgil, Landini, e il segretario della Fim/Cisl, Bentivogli, quattro lavoratori ricoverati in ospedale.

Però, di che meravigliarsi? Le forze di polizia sono al servizio del governo, il quale, nelle politiche economiche e sociali, sta guadagnandosi il titolo del peggiore che l’Italia abbia avuto dal 1945.
E lo fa non solo a marce forzate, ma anche sfoderando, per bocca del suo primo ministro, sfide provocatorie al mondo del lavoro dipendente, apostrofato con insulti, avvertimenti, minacce.

Il 29 ottobre a Roma e una decina di giorni prima a Torino, si è passati dalle parole ai fatti: chi non ci sta a buttare giù il rospo della politica governativa, avrà pane per i suoi denti.
Il ministro di polizia, Angelino Alfano (quello che, come ministro della Giustizia, regalava leggi su leggi a Berlusconi, per salvarlo dai processi), è lì proprio per imporre le decisioni del governo e dei padroni dell’industria e della finanza, quelli che a fare il primo ministro hanno chiamato il Renzi, così ambizioso e così portato a comandare, così somigliante al Marchionne.


Del resto, la sua avversione alla lotta operaia, il Renzi l’aveva già manifestata, quando, sempre con l’aria del gradasso di paese, aveva lanciato lo slogan: “Occupazione SÌ, occupazioni NO!”, per dire: “Guai a chi occupa le fabbriche!”, così rispondendo a Landini, il quale s’era lasciato scappare la battuta che la lotta avrebbe potuto prendere anche la piega dell’occupazione delle fabbriche.

Chissà come saranno stati felici, i 415 operai della TRW di Livorno in occupazione di fabbrica (pardon, in “assemblea permanente”) per garantirsi l’occupazione e non essere gettati sul lastrico, a sentir dire quelle parole “rassicuranti” del Renzi!!!
La stessa “rassicurazione” dev’essere stata avvertita anche dagli operai delle mille fabbriche che in Italia stanno traballando, come la raffineria dell’ENI, sempre a Livorno!!!


LA RISPOSTA ALL’IMPRESA VIGLIACCA CONTRO GLI OPERAI DI TERNI DEV’ESSERE UNA RAGIONE IN PIÙ PER FARE DEL 14 NOVEMBRE UNA GRANDE GIORNATA DI SCIOPERO GENERALE.

Cobas Pisa

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Notizie sullo stesso argomento

Ultime notizie del dossier «Lotte operaie nella crisi»

Ultime notizie dell'autore «Cobas Pisa»

5121