il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Stato e istituzioni    (Visualizza la Mappa del sito )

Bell'Italia amate sponde

Bell'Italia amate sponde

(16 Maggio 2009) Enzo Apicella
L'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati ha reiterato al ministro dell’Interno, Roberto Maroni, la richiesta di porre fine alla prassi del respingimento di migranti dalla Libia.

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(La tolleranza zero)

Sui fatti di Tor Sapienza a Roma

Per un fronte unico di difesa! Cacciamo i fascisti! Fermiamo i pogrom!

(16 Novembre 2014)

suifattiditorsa

In questi giorni a Tor Sapienza, in piena periferia romana, è in atto una serie di manifestazioni e attacchi nei confronti degli immigrati del quartiere, molti dei quali minorenni, stanziati in un cosiddetto "centro di accoglienza": una vera e propria mobilitazione reazionaria promossa e spalleggiata da un arco di forze politiche di destra che va da Fratelli d’Italia e Lega Nord fino ad organizzazioni apertamente fasciste come Casa Pound e Forza Nuova, il cui dispiegamento militante è valso a fomentare e a esasperare una situazione già di per sé tesa e dai contenuti affatto regressivi e violenti.
La protesta anti-immigrati (subito estesa, va da sé, a transessuali e nomadi) ha come base sociale quella di settori sottoproletari e proletari di un quartiere periferico di Roma, e giunge a scatenarsi nell'acme di una crisi economica che mina profondamente le condizioni di vita di queste classi sociali e getta centinaia di migliaia di proletari metropolitani, a Roma e altrove, nell'arena sempre più affollata della guerra fra poveri e della disperata lotta per la sopravvivenza, che è poi lo scenario naturale della dissoluzione e della distruzione sociale capitalistica.

Su un tessuto sociale già ampiamente minato, quindi, la classica "uscita a destra" non può che erompere con ancor più naturalezza e virulenza, anche (e proprio) assenza di fattori di opposizione, sia materiali che di coscienza. Fattori di opposizione che sono causa e parte attiva dell'assenza di un’alternativa del movimento operaio, in tutte le sue forme, in primis a causa dei tradimenti e dell’attendismo delle sue principali organizzazioni politiche e sindacali, ieri come oggi, che si riscontrano una volta di più in questo episodio (il coinvolgimento delle sinistre nelle giunte comunali e municipali liberali, da vent'anni a questa parte, rientra nel discorso). È solo una logica conseguenza, quindi, il fatto che questi settori diventino soggetto inerte e passivo, e quindi preda di facili demagogie reazionarie e di organizzazioni xenofobe, individuando nel proprio nemico non il capitale, ma il proletario immigrato.

Gli attacchi nei confronti degli immigrati non devono essere tollerati. A Tor Sapienza è evidente a tutti il precedente pericoloso costituito dalla "vittoria" della canea reazionaria organizzata che riesce a "cacciare gli immigrati" con cortei e molotov. Così come è estremamente allarmante l'altro precedente: il saldarsi in maniera organica ed effettiva della popolazione del quartiere e della piccola criminalità locale con le organizzazioni fasciste.

Bisogna passare all'azione! I pogrom devono essere fermati! Facciamo appello a tutte le sinistre politiche, sindacali e di movimento (in primis le organizzazioni sindacali che organizzano anche i lavoratori immigrati) ad un fronte unico contro questa mobilitazione. È necessario organizzare da subito la difesa (e l'autodifesa) degli immigrati e di tutti i soggetti coinvolti dagli attacchi e dalle aggressioni razziste. È la violenza che impone di agire su questo piano. Non ci sono altri modi per arginare la mobilitazione, fermare la deriva reazionaria e porre le basi per l’unità della classe operaia, al di là di ogni colore o provenienza.

Partito Comunista dei Lavoratori

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «La tolleranza zero»

Ultime notizie dell'autore «Partito Comunista dei Lavoratori»

4399