il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

Praga. Il convitato di pietra

Praga. Il convitato di pietra

(8 Aprile 2010) Enzo Apicella
Usa e Russia discutono il nuovo Trattato Start. Delle armi nucleari di Israele, denunciate da Mordecai Vanunu, non si parla.

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Imperialismo e guerra)

Sultanpascià Erdogan, gli uomini che svalutano le donne

(25 Novembre 2014)

uominichesvalutano

La maniacale presenza scenico-ideologica (e ora anche teologica, così Fethullah impara) con cui sultanpascià Erdogan non si lascia sfuggire occasione per annunci, esternazioni, inviti forzosi, imposizioni, divieti e ora anche prediche s’è sviluppata a lungo negli anni di premierato. Dall’agosto scorso, che l’ha incoronato presidente islamico a furor di scheda, lui si sente in dovere anche d’interpretare il Corano. Al Baghdadi rischia di vedersi rubare la vetrina della reazione mediatica; fors’anche l’ambiente degli ayatollah sciiti si preoccupa di fronte a una presenza pronta a competere col loro velayat-e faqih. Il tempismo poi è sempre stato l’asso nella manica del leader dell’Akp. Inizialmente creduto un gaffeur, dimostratosi invece un peso massimo della provocazione e del braccio di ferro, finora vincenti per lui. Così alla vigilia della “Giornata mondiale contro la violenza sulle donne” anziché trattare il tema del maschilismo assassino nella società turca - in questo simile al mondo cattolico, protestante, ebraico e di tante religioni - discetta ex cathedra, come i papi inquisitori del tempo andato. “L’eguaglianza fra uomo e donna non esiste, c’è piuttosto l’equivalenza”. Questo dice Recep Tayyip, come si trattasse di questioni matematiche, coppie ordinate dell’insiemistica, roba da relazione binaria… E via andare: “Gli uomini e le donne non possono ricoprire le stesse posizioni perché sono diversi per indole e costituzione e non si può andare contro natura”. Quindi fra ovvietà e benevola concessione “a una donna incinta non si può dire: prendi una vanga e scava tutto il giorno”. Ma è appena un cenno, perché il suo bersaglio di sono certe idee femminili, che anziché darsi esclusivamente alla maternità concepiscono un’ideologia. Per ribadirlo prende le scritture e scomoda il Corano: “La nostra religione ha definito una posizione per le donne: la maternità”. Guai alle diverse. Ineccepibile, indiscutibile, come talune interpretazioni del salafismo duro e puro.
25 novembre 2014

articolo pubblicato su enricocampofreda.blogspot.it

Enrico Campofreda

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «I cento volti della Turchia»

Ultime notizie dell'autore «Enrico Campofreda»

7212