il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

Figli di puttana

Figli di puttana

(18 Marzo 2011) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Imperialismo e guerra)

Sultanpascià Erdogan, gli uomini che svalutano le donne

(25 Novembre 2014)

uominichesvalutano

La maniacale presenza scenico-ideologica (e ora anche teologica, così Fethullah impara) con cui sultanpascià Erdogan non si lascia sfuggire occasione per annunci, esternazioni, inviti forzosi, imposizioni, divieti e ora anche prediche s’è sviluppata a lungo negli anni di premierato. Dall’agosto scorso, che l’ha incoronato presidente islamico a furor di scheda, lui si sente in dovere anche d’interpretare il Corano. Al Baghdadi rischia di vedersi rubare la vetrina della reazione mediatica; fors’anche l’ambiente degli ayatollah sciiti si preoccupa di fronte a una presenza pronta a competere col loro velayat-e faqih. Il tempismo poi è sempre stato l’asso nella manica del leader dell’Akp. Inizialmente creduto un gaffeur, dimostratosi invece un peso massimo della provocazione e del braccio di ferro, finora vincenti per lui. Così alla vigilia della “Giornata mondiale contro la violenza sulle donne” anziché trattare il tema del maschilismo assassino nella società turca - in questo simile al mondo cattolico, protestante, ebraico e di tante religioni - discetta ex cathedra, come i papi inquisitori del tempo andato. “L’eguaglianza fra uomo e donna non esiste, c’è piuttosto l’equivalenza”. Questo dice Recep Tayyip, come si trattasse di questioni matematiche, coppie ordinate dell’insiemistica, roba da relazione binaria… E via andare: “Gli uomini e le donne non possono ricoprire le stesse posizioni perché sono diversi per indole e costituzione e non si può andare contro natura”. Quindi fra ovvietà e benevola concessione “a una donna incinta non si può dire: prendi una vanga e scava tutto il giorno”. Ma è appena un cenno, perché il suo bersaglio di sono certe idee femminili, che anziché darsi esclusivamente alla maternità concepiscono un’ideologia. Per ribadirlo prende le scritture e scomoda il Corano: “La nostra religione ha definito una posizione per le donne: la maternità”. Guai alle diverse. Ineccepibile, indiscutibile, come talune interpretazioni del salafismo duro e puro.
25 novembre 2014

articolo pubblicato su enricocampofreda.blogspot.it

Enrico Campofreda

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «I cento volti della Turchia»

Ultime notizie dell'autore «Enrico Campofreda»

7106