il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Stato e istituzioni    (Visualizza la Mappa del sito )

La scelta è tua

La scelta è tua

(4 Aprile 2011) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

APPUNTAMENTI
(Stato e istituzioni)

SITI WEB
(La tolleranza zero)

MONTE MARIO : DAVANTI AL CAMPO ROM PER IL DIRITTO ALL’ISTRUZIONE, RICORDANDO BRECHT

(5 Dicembre 2014)

davantialcampo

Roma,5 dicembre 2014. Stamattina presto molti compagni e cittadini migranti hanno sostato davanti all’ingresso del campo rom di Monte Mario, per garantire l’uscita delle auto dei genitori che portavano i propri bambini alle scuole del territorio. La scorsa settimana c’era stata una sceneggiata dei camerati che, bandiere tricolore e volantini alla mano, avevano impedito che i bambini potessero andare regolarmente a scuola. Il diritto all’istruzione e quindi all’andare a scuola deve essere sempre garantito ai minori, siano essi romani, calabresi, cinesi, congolesi, peruviani o di etnia rom. Per questo è giusto dirlo a chiare lettere agli amici di destra, leghisti e neofascisti che hanno campato, speculato, lucrato e fatto i soldi, così come è emerso palesemente dopo l’azione portata avanti dalla magistratura su Mafia Capitale, proprio sulla testa di quegli stessi zingari contro i quali, sempre di più alzano, la loro meschina cagnara. Ricordiamoci sempre e ricordiamolo anche a chi non la conosce bene i versi della stupenda poeta del poeta comunista tedesco: “Prima di tutto vennero a prendere gli zingari. E fui contento perché rubacchiavano. Poi vennero a prendere gli ebrei. E stetti zitto, perché mi stavano antipatici. Poi vennero a prendere gli omosessuali, e fui sollevato, perché mi erano fastidiosi. Poi vennero a prendere i comunisti, ed io non dissi niente, perché non ero comunista. Un giorno vennero a prendere me, e non c'era rimasto nessuno a protestare.” Pensiamoci tutti e teniamolo bene a mente, in tempi nuovamente bui come quelli che stiamo attraversando.

Claudio Ortale - Comitato Politico Nazionale di Rifondazione Comunista

5370