il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Prima le donne e i bambini

Prima le donne e i bambini

(22 Febbraio 2009) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

  • DALLA TORNATA ELETTORALE DEL 20/21 SETTEMBRE UTILI INDICAZIONI PER LA BORGHESIA
    Corsa contro il tempo per l'instaurazione di un "governo forte"
    (23 Settembre 2020)
  • costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

    SITI WEB
    (Flessibili, precari, esternalizzati)

    ROMA, ZETEMA: RESOCONTO TAVOLO SINDACALE DEL 17 DICEMBRE

    (20 Dicembre 2014)

    zetema

    In apertura del tavolo RSU del 17/12 u.s., Valeria Giunta (CGIL) ha introdotto il tema delle elezioni per il “rinnovo della RSU”, da tenersi (le sigle confederali preferirebbero) a marzo 2015, in concomitanza con quelle del rinnovo della RSU di Roma Capitale. A riguardo, ho dovuto precisare che essendo, l'USI, l'unica sigla autonoma rimasta al tavolo, ho necessità di avere conferme in tempi utili: come ricorderete, le sigle non firmatarie di CCNL devono raccogliere le firme tra i lavoratori per depositare le proprie liste di candidati. Organizzeremo, quindi, un'assemblea esplicativa con il nuovo anno.
    In merito il tema fondamentale del rinnovo del Contratto di Servizio (CdS), la situazione al momento è stazionaria. Il dr. Ruberti ha chiarito che la “volontà di Roma Capitale” è di stipulare i futuri contratti in relazione agli elementi nuovi dei quadri normativi, comparativi tra “standard nazionali”. Il che produrrà una proroga: un mese utile a far si che il Segretariato Generale (l'organismo che si sta occupando di redarre il contratto) definisca tali aspetti.
    Poichè il dr. Ruberti ha parlato di contratto “pluriennale” sono stati chiesti chiarimenti ed è emerso che la pluriennalità potrebbe concretizzarsi in una biennalità qualora venissero utilizzate, come riferimento, le scadenze del Piano di Rientro concordato con il Governo Renzi. Medesimo dubbio esiste anche relativamente il rinnovo del CdS dell'Istituzione Biblioteche che, però, potrebbe essere approvato entro la fine dell'anno dato che segue un iter differente. Per tale CdS è stato anticipato che il servizio del Bibliobus verrà tolto e che ci sarà una ri organizzazione del personale Zètema al quale verranno assegnate alcune biblioteche in modo da garantire una gestione “separata”: alcune biblioteche solo con personale di Roma Capitale e altre solo con i nostri colleghi (salvo la permanenza del responsabile delle strutture)...Quali biblioteche saranno...Lo scopriremo solo vivendo...
    Relativamente il già contestato progetto di modifica del servizio INCONTRAGIOVANI, il dr. Ruberti ha comunicato che quella che era un'ipotesi, ora si sta consolidando in un progetto che sta vedendo anche i sopralluoghi dei nostri tecnici presso le strutture di Testaccio.
    Sono state date conferme da parte dell'Azienda anche in merito il progetto di apertura 7 giorni su 7 dei 3 musei previsti, ma l'inizio di tali orari modificati slitta insieme al rinnovo del CdS. Per i musei attualmente aperti in gratuità, verrà predisposta un'app per smartphones utile alla sostituzione delle attuali audioguide e che, di fatto, eliminerà l'utilità, con conseguente smantellamento, dei bookshops.
    Resta, invece, un'incognita, la situazione dei Centri Culturali che potrebbero uscire dal “nostro” circuito, tornando di diretta pertinenza di Roma Capitale ed il personale ivi assegnato tornare nelle sale museali.
    In merito le divise del personale di assistenza di sala, poiché non è prevista alcuna fornitura, invito colleghe/i, che ne avessero bisogno, a sollecitare l'Azienda in particolar modo (vista la stagione invernale) per i giacconi.
    In ultimo ringrazio Valeria Giunta per avere portato a conoscenza del tavolo sindacale lo spiacevole episodio della rimozione della bacheca sindacale per dipendenti Zètema che si trovava presso la sede della Sovraintendenza Capitolina, in piazza Lovatelli. Il dr. Parisi Presicce, non pago di aver leso il diritto allo sciopero (che normalmente si palesa attraverso un “disservizio”) aprendo gratuitamente, senza bigliettazione (con ingressi gratuiti da una parte, a pagamento da un 'altra) con personale ridotto, strutture che non avevano avuto il servizio di pulizie o con porte di emergenza rimaste chiuse, ha rimosso uno strumento fondamentale per la comunicazione sindacale. Il dr. Ruberti ha garantito un suo intervento di verifica, ma auspico che le OO.SS., promotrici dello Sciopero Generale del 12/12 u.s., attiveranno tutte le iniziative utili, per le quali mi metto a disposizione per quanto potrò integrare con mia testimonianza diretta, non avendo io aderito a tale sciopero ed essendo stata testimone diretta delle “indicazioni” del Sovrintendente. Credo di avervi sintetizzato gli elementi fondamentali su cui TUTTI dovremo riflettere in questa fine anno particolare che vede il nostro CdS “prorogato” e non rinnovato. Intanto approfitto per farvi i miei migliori auguri per...UN MIGLIOR 2015!

    Serenetta Monti (RSU/USI)

    Fonte

    Condividi questo articolo su Facebook

    Condividi

     

    Ultime notizie del dossier «Flessibili, precari, esternalizzati»

    Ultime notizie dell'autore «UNIONE SINDACALE ITALIANA USI»

    7213