il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Per i tre operai della Fiat

Per i tre operai della Fiat

(25 Agosto 2010) Enzo Apicella
Melfi. La Fiat licenzia tre operai, il giudice del lavoro li reintegra, la Fiat li invita a rimanere a casa!

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Licenziamenti politici)

SENTENZA - Il giudice del lavoro dichiara illegittimo il licenziamento di L.M. e ordina il reintegro

(27 Dicembre 2014)

flmusentenza

La FLMU/CUB coglie positivamente la sentenza del giudice del lavoro, dott.ssa Laura Romeo che ha reintegrato in servizio Leonardo Miraglia, licenziato ingiustamente nel febbraio 2011 dalla Palumbo S.p.A. con motivi pretestuosi.

In particolare il giudice ha dichiarato l’illegittimità del licenziamento notificato dalla cantieri
navali Palumbo S.p.A. a Leonardo Miraglia e ha ordinato la reintegrazione del ricorrente nel posto di lavoro precedentemente occupato, nonché la corresponsione a titolo
risarcitorio di tutte le spettanze non corrisposte sino all’effettiva reintegrazione, oltre al
versamento della relativa contribuzione previdenziale ed assistenziale per il medesimo periodo.
Il reintegro di Miraglia, dichiara il coordinatore provinciale della FLMU/CUB Federico
Magro, non è il primo che viene sancito dalla Magistratura del Lavoro di Messina. Infatti, recentemente i giudici hanno reintegrato altri lavoratori anch'essi pretestuosamente licenziati dalla Palumbo S.p.A. quali Antonino Fiore e Giovanni Schepis, mentre é nell'approssimarsi il giudizio di reintegra del dirigente sindacale della CUB Alberto Previti anche quest'ultimo licenziato.
La FLMU/CUB si è da sempre adoperata ad arginare qualunque sopruso posto in essere dai datori di lavoro che si sono distinti per aver stabilito un clima ostile verso quei lavoratori ritenuti scomodi, assoggettandoli ad una serie di contestazioni strumentali al fine di
licenziarli.
E' per ciò che la FLMU/CUB, invita tutti i lavoratori a stare uniti e lottare contro lo
strapotere dei quei datori di lavoro stile padroni delle ferriere. Le strutture della CUB sono a disposizione di coloro vogliano confrontarsi per cambiare gli equilibri sociali e che vedono soccombere le classi più deboli, i precari, i disoccupati, i poveri, i migranti, gli emarginati.
Tutto questo spesso con la complicità dei governi che si adoperano paradossalmente anche attraverso dell’abrogazione dell’art. 18 dello statuto di lavoratori come soluzione alla crisi e al disagio sociale.


Messina 24 dicembre 2014

L'ufficio stampa FLMU-CUB
Federazione Lavoratori Metalmeccanici Uniti
Federazione Provinciale di Messina

6387