il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Stato e istituzioni    (Visualizza la Mappa del sito )

Pellicano Malinconico

Pellicano Malinconico

(11 Gennaio 2012) Enzo Apicella
Il sottosegretario con delega all'editoria Malinconico si dimette dopo la scoperta delle vacanze all'hotel Pellicano pagate dalla cricca del G8

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Stato e istituzioni)

Stato e istituzioni:: Altre notizie

Voli di Stato per tutti. Renzi a Courmayeur, Mastella a Monza, Berlusconi a Villa Certosa

(4 Gennaio 2015)

volirenzi

Così fan tutti, è la risposta di Matteo Renzi alle polemiche suscitate dall’utilizzo di un volo di Stato con moglie e prole per le vacanze natalizie a Courmayeur, precisando che “non è mia scelta ma protocollo di sicurezza”.
Una risposta identica a quella che diede nel 2011 La Russa, Ministro della Difesa, quando gli chiesero se avesse usato un volo di Stato per andare a vedere la partita: «Per qualunque movimento io faccia, ahimè -spiegò La Russa - motivi di sicurezza mi impongono anche contro il mio volere di non usare voli di linea», in quella occasione il ministro spiegò che comunque tornava da una missione all’estero.

Ecco forse le scelte si posso fare e non fare, forse ci sono cose opportune e cose meno opportune e forse non è proprio così vero che tutti usano in questo modo i voli di Stato, però Renzi sta in buona compagnia.

Ma andiamo per ordine: fare come fanno tutti da parte di un Premier che voleva cambiare le regole della politica e degli sprechi di Stato è già singolare e poco coerente, ma la coerenza è parola grossa visto che sempre Renzi durante le primarie e non solo aveva promesso di diminuire gli stipendi abnormi dei parlamentari.

Poi c’è il protocollo sicurezza: un Premier che ha cambiato l’articolo 18 dello Statuto dei Lavoratori avrà anche facoltà di cambiare un protocollo sulla sicurezza, o meglio sull’uso dei voli di Stato non certo della scorta, che poteva benissimo seguirlo anche su voli di linea o andando tutti in auto.
Questo appare l’ennesimo spreco, l’ennesimo privilegio e un vero e proprio “protocollo del potere”. Sempre rimanendo in tema di sicurezza, se il nostro Premier è un soggetto così a rischio da non poter prendere un volo normale (certo scendendo a Torino e non ad Aosta), sarebbe bene che non girasse sulle piste da sci ma rimanesse nella sua amata Firenze.

Si usa così. Ma allora perché si gridò allo scandalo quando Mastella, allora Ministro della Giustizia, andò con un volo di Stato al GP di Monza? Forse è una questione tra la Formula 1 e lo sci? Ed ancora, nel 2009 Berlusconi, Premier, andava a Villa Certosa con ospiti su un volo di Stato, fioccarono le interrogazioni del PD, ma cosa c’era di diverso? Però è vero non era il PD di Renzi!



4-1-15

A. V. - DirittiDistorti

7787