il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Stato e istituzioni    (Visualizza la Mappa del sito )

Stefano Gugliotta

Stefano Gugliotta

(11 Maggio 2010) Enzo Apicella
Dopo che le tv hanno trasmesso il video di Stefano Gugliotta che viene pestato immotivatamente dalla polizia e poi arrestato per "resistenza a pubblico ufficiale", il capo della polizia Manganelli "dispone una ispezione".

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

APPUNTAMENTI
(Stato e istituzioni)

SITI WEB
(Storie di ordinaria repressione)

  • Senza Censura
    antimperialismo, repressione, controrivoluzione, lotta di classe, ristrutturazione, controllo

10 GENNAIO 2015: MICHELE E’ DA 6 MESI NEL CARCERE DI FERRARA IN REGIME SPECIALE AS 2

184 GIORNI DAL 10 LUGLIO. 584 DI ARRESTI E PRIVAZIONE DELLA LIBERTA’ DAL 23 OTTOBRE 2007.
L’AVETE FATTA PROPRIO GROSSA, MA TUTTO TORNA INDIETRO, E’ LA LEGGE DELLA NATURA.

(10 Gennaio 2015)

michele

Spoleto: un'iniziativa a sostegno di Michele

L’hai fatta proprio grossa , Generale Ganzer condannato per spaccio di stupefacenti e peculato, quel 23 ottobre 2007, con gli elicotteri sopra il cielo di Spoleto, con gli incappucciati nelle case della città, con lo spettacolo preparato per andare in onda come prima notizia di tutti i tg nazionali: anche quella volta per smisurata ambizione ?

L’hai fatta propria grossa governante Lorenzetti, di Italferr presidente, condannata per falso ideologico nella sanitopoli umbra, inquisita per corruzione, associazione a delinquere e abuso d’ufficio per la TAV, con quelle dichiarazioni di colpevolezza fatte quando ancora gli armati in divisa rovistavano nelle nostre stanze e quando in tribunale ci hai raccontato del terrore vissuto sotto scorta, dopo aver saputo che ti era stata inviata una lettera, armata di due proiettili. Per chi ti ha ascoltato eri l’immagine di una santa donna sotto attacco di turpe forze del male, non la donna di Stato “concreta e pratica senza tante seghe” come ti sei autodefinita parlando al telefono con la tua amica professoressa universitaria a cui raccomandavi il figlio laureando in Odontoiatria di un amico ‘carissimo’; capace di vedere i terroristi in agguato in ogni tua opera, anche in quello “stronzo” “terrorista”, così lo hai chiamato, dell’architetto della Regione Toscana che voleva vedere il marcio nella tua TAV.

L’avete fatta proprio grossa voi giudici che avete scambiato il lunotto rotto di una ruspa e un quadro elettrico bruciacchiato per l’ISIS che ancora non c’era. E quando vi siete accorti che l’ISIS non c’era, dopo aver scritto che c’era, allora avete scritto che non si erano associati. Perché il secondo dei due, il fornitore dei proiettili secondo la vostra accusa, era stato riconosciuto poi come un ragazzo che aveva l’amico sbagliato nel momento sbagliato e per lui, tre mesi di carcere e sei di domiciliari, avrete pensato (per non aver rimorsi di coscienza ?) gli sarebbero potuti servire di insegnamento (tutto ciò che non ammazza raddrizza !).

E siccome ne è rimasto uno solo, disassociato da voi stessi giudici che l’avevate associato, non poteva essere l’ISIS che non c’era; allora avrete considerato che aveva scritto libri, forse troppo presto o troppo giovane per voi, e allora non so se per invidia o per alto senso del dovere verso chi scrive ciò che pensa, avete caricato sulle sue spalle un peso enorme: il lunotto si è fatto pesante, pesantissimo, ed è diventato il sistema di trasporto italiano e il quadro elettrico, il sistema elettrico italiano, e Michele l’eversione (per cui avete previsto l’ art. 270, concepito nel 1930 durante la dittatura fascista , poi alla fine degli anni '70 avete aggiunto l'articolo 270 bis. Dal 2001 avete aumentate le pene, e dal gennaio 2003 avete escluso la possibilità di misure alternative alla detenzione) anche se disassociato per sentenza, dall’ipotizzata da voi associazione, avete poi sentenziato avrebbe messo in pericolo l’ordinamento del mondo, neanche fosse un supereroe dei film americani .

Perché voi appartenete a quella giustizia che condanna i Berlusconi a un numero di anni doppio degli eversori, per poi lasciarli liberi e liberi di decidere insieme al Cazzaro di turno, le future leggi dello Stato.

Le future leggi dello Stato ! come quel regalo di Natale, uscito nel giorno del Nazareno, dal Governo Renzi per l’amico Berlusconi, una lavatrice nuova di zecca che monda l’evasore : “IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visti gli art. 76 e 87 della Costituzione….. in materia di revisione del sistema sanzionatorio “Art 19 bis (causa di esclusione della punibilità) 1. Per i reati previsti dal presente decreto, la punibilità è comunque esclusa quando l’importo delle imposte sui redditi evase non è superiore al tre per cento del reddito imponibile dichiarato o l’importo dell’imposta sul valore aggiunto evasa non è superiore al tre per cento dell’imposta sul valore aggiunto dichiarata.”

Ma se non fosse accaduto che come bambini un po’ tonti si sono fatti beccare a voi non resta che eseguire.

Ma attenzione a tutti i proprietari.

I proprietari della legge, dei mezzi di produzione, della macchina dei soldi, delle televisioni, non caricatela troppo questa nave che ha nome: Stato delle cose presenti, perché se ci infilate una sopra l’altro, la rete tagliata e la infilate nello scatolone con sopra stampato: tentativo di omicidio, la scritta sul muro, nella scatola con l’etichetta: attentato, i licenziamenti e la schiavitù del jobs act, dentro la scatola: Diritti per tutti, avete visto che succede ! Scoppiano incendi e le navi affondano, ma non perché qualcuno a 20 anni scrive un trattato sull’Anarchia, ma perché il paese reale è stufo del paese istituzionale che, di nuovo, come un tempo, traccia confini per pochi proprietari che escludono del tutto chi è povero e chi lavora dalle stanze del potere.

Comitato 23 ottobre

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Storie di ordinaria repressione»

5964