il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

CIPROvano

CIPROvano

(19 Marzo 2013) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Capitale e lavoro)

VIA LA MERKEL E RENZI DA FIRENZE! IL 22 GENNAIO CONTESTIAMO IL VERTICE ITALO-TEDESCO!

LOTTIAMO PER LA ROTTURA DELL'UNIONE EUROPEA!

(20 Gennaio 2015)

viamerkel

Nelle giornate di giovedì 22 e di venerdì 23 gennaio avrà luogo a Firenze il vertice bilaterale italo-tedesco, nel corso del quale è annunciata la presenza di Angela Merkel, che incontrerà il premier Renzi.
Al termine del Semestre europeo a presidenza italiana, iniziato con l' annuncio del varo di politiche per la crescita e proseguito limitandosi a ratificare le politiche di austerity imposte dalla Trojka, Renzi porta al cospetto della Merkel e dei vertici dell'Unione Europea le misure previste dal Jobs Act, lo scalpo dei “corpi intermedi” della società, a partire dalla Cgil, e un deciso avanzamento in quel processo di superamento della democrazia rappresentativa verso un regime sempre più autoritario che caratterizza l'Italia come, in misure diverse, l'intera eurozona, e in particolare le sue aree periferiche del sud e dell'est.
Eppure, come è stato dichiarato ripetutamente dalla stessa Merkel, dal presidente della Commissione europea Juncker e da altri esponenti della Trojka, le misure messe in cantiere non sono sufficienti a soddisfare l'esigenza strategica della Trojka europea di smantellare, soprattutto nei paesi “Piigs”, ciò che resta dei diritti del lavoro, di approfondire l’attacco ai salari diretti, indiretti e differiti, e di esautorare la funzione dei sindacati, andando verso forme di contrattazione sempre più individuali facendo così ripiombare il mondo del lavoro in una condizione ottocentesca. Sono queste le misure attraverso le quali il grande capitale europeo, nel pieno della in crisi di sistema, prova a recuperare margini di profitto, facendo guerra a milioni di lavoratori, giovani, precari. Una guerra “interna”, quella dell'UE ai popoli europei, cui corrisponde una proiezione imperialista sempre più decisa in scenari che vedono l'Europa circondata, in un “anello di fuoco” che va dalla Libia, al Medio oriente, all'Ucraina, mentre ormai è entrata nel vivo la competizione globale tra poli imperialisti.
Pensiamo che all'interno delle compatibilità con l'Unione Europea le uniche prospettive sono quelle di subire la guerra portata alle classi popolari, mentre continuerà ad accentuarsi la tendenza alla guerra guerreggiata. Avanziamo quindi la parola d’ordine della rottura dell’Unione Europea e della costruzione di un’area di paesi euromediterranea che si sganci dalle imposizioni del polo imperialista europeo e imposti un modello alternativo di scambi solidali, avanzando nel superamento del modo di produzione capitalistico, verso il Socialismo del XXI secolo.
Per questo la Rete dei Comunisti partecipa e invita a partecipare al corteo indetto dall' Assemblea No Jobs Act di Firenze: l'appuntamento è per giovedì 22 alle ore 17.30 in Piazza dell'Unità.

Rete dei Comunisti - Pisa

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «NO al diktat della borghesia imperialista europea»

Ultime notizie dell'autore «Contropiano / Rete dei comunisti»

7190