il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

F35

F35

(7 Gennaio 2012) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

  • E' uscito il n. 100 di Alternativa di Classe
    (16 Aprile 2021)
  • SOMMARIO DE IL PARTITO COMUNISTA N. 408 - Aprile 2021
    organo del partito comunista internazionale
    (15 Aprile 2021)
  • costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

    APPUNTAMENTI
    (Imperialismo e guerra)

    • 16 Aprile 2021 - Italia
      Un posto al sole sulla quarta sponda
      Libia: ruolo dell’Italia e di altri predoni nel Mediterraneo

    SITI WEB
    (Imperialismo e guerra)

    Kobanê è libera!

    (26 Gennaio 2015)

    kobane

    Dopo 134 giorni di eroica resistenza agli attacchi di ISIS, oggi finalmente le forze di difesa del popolo YPG/YPJ hanno annunciato che la città di Kobanê nel Kurdistan occidentale, Rojava, è stata completamente liberata dalle bande del cosiddetto Stato Islamico. La popolazione di Kobanê ha iniziato a festeggiare, così come in altre città curde.

    Questo è il risultato dell'eroica resistenza che ha visto la partecipazione di tutta la popolazione curda, donne, giovani, vecchi, bambini, e di volontari giunti a dare il loro contributo da tutte le parti del mondo. Le YPG/YPJ, in collaborazione con Burkan Al Firat e un contingente di peshmerga, non ha arretrato di un passo nonostante la grande disparità di armi e rifornimenti che vedevano l'ISIS in vantaggio: questo dimostra che quando un popolo si difende per la propria vita e per quello in cui crede, non è possibile sconfiggerlo.

    Salutiamo dunque questo bellissimo risultato che ridà speranza a tutta la regione, ricordando che l'esperienza dei cantoni e dell'autonomia democratica cui i curdi hanno dato vita è ancora sotto attacco; occorre quindi tenere alta l'attenzione per liberare tutte le altre aree ancora a rischio e per chiedere che finisca l'appoggio che molti stati – inclusa la Turchia - continuano a dare a questi terroristi che non rispettano l'umanità.

    Come Ufficio di Informazione del Kurdistan in Italia chiediamo ora a tutte le forze politiche, sociali, sindacali, alle organizzazioni della società civile in Italia e a tutti i singoli e i gruppi che hanno simpatizzato con la resistenza di Kobane, di adoperarsi con tutti i mezzi e secondo le proprie possibilità per ricostruire insieme la città.

    Ufficio di Informazione del Kurdistan in Italia

    7644