il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

Gaza

Gaza

(23 Marzo 2011) Enzo Apicella
Questo pomeriggio carri armati israeliani hanno bombardato Gaza: 5 civili uccisi, 10 feriti. 3 bambini ammazzati. Stavano giocando a calcio.

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Imperialismo e guerra)

Turchia, Fidan si sfila

(7 Febbraio 2015)

turchiafidan

L’uomo dei segreti ferma la sua corsa, indirizzata ultimamente verso il Parlamento turco che sarà rinnovato ai primi di giugno. Così Hakan Fidan supercapo del Mit, che aveva lasciato la guida dell’Intelligence per entrare in politica, annuncia di ritirarsi dal cimento. La scelta potrebbe essere stata presa di concerto col presidente Erdogan, di cui Fidan è stato a lungo stretto collaboratore durante la leadership governativa e di partito. Ma i dubbi restano. Fino a non molto tempo addietro il responsabile dell’agenzia turca aveva stabilito la linea della trattativa con la componente kurda, sventolatadall’allora capo dell’Esecutivo quale escamotage per lenire le tensioni interne e superare l’impasse violenta che per trent’anni ha insanguinato il Paese. Un’apertura sancita tramite periodici colloqui, condotti dal 2009 e 2011 con incontri anche all’estero (Oslo) e nel supercarcere dov’è rinchiuso l’illustre detenuto Abdullah Öcalan, leader del Partito Kurdo dei Lavoratori.Incontri interrotti nell’estate 2011, a seguito di un agguato a militari turchi presso la città di Diyarbakir e di ritorsioni con bombardamenti sulla popolazione civile nel territorio attorno ad Hakkari. Un filo, comunque, non spezzato sebbene gli scenari fossero mutati con la crisi siriana.

Attorno agli sviluppi della medesima, per l’ambiguo ruolo giocato dai vertici dello Stato turco, per le scelte fatte da Erdogan e dal fidatissimo ministro degli esteri Davutoglu (dall’estate scorsa suo sostituto alla guida del governo) il Mit era anche finito in un’inchiesta di un procuratore che indagava sui trasporti oltre il confine compiuti da alcuni Tir che risultavano inviati dall’Intelligence. In un reciproco scambio d’accuse l’area che fa capo a Fetullah Gülen, con un buon seguito fra i magistrati, ha, fra l’altro,additato il governo di scambi col jihadismo, mentre Erdogan l’accusava di tramare contro la nazione creando fra giudici, giornalisti e poliziotti l’ennesima “struttura parallela”. Il sospetto d’un nuovo caso Ergenekon, dopo quello già disarticolato. Altre frizioni s’erano avute nel 2012 quando vennero alla luce, sempre per iniziative della stampa dell’area del movimento gülenista Hizmet, informazioni sulle infiltrazione del Mit di strutture politiche kurde (Kurdistan Communities Union) che si relazionano al Pkk. Nonostante tali inciampi la duttilità di Fidan aveva permesso il mantenimento del tavolo di trattative, seppure i kurdi rimbracciassero le armi nella vasta area oltre il confine siriano dove agisce l’Isis.

Qualche decano del Parlamento turco commenta stupito la notizia del disimpegno di Fidan, facendo comunque notare che, essendo lui un Superman, avrebbe potuto offrire un migliore servizio alla nazione nella veste precedentemente ricoperta invece di diventare un semplice deputato. Eppure lo scaltro e diplomaticissimo capo del Mit non sarebbe rimasto affattoun semplice politico. Per lui si ventilava l’incarico di ministro degli Esteri, una funzione che di fronte al personalismo erdoganiano, al suo gioco su più tavoli proprio nell’infuocata situazione mediorientale, agli imbarazzanti giri di valzer che inanella da anni, forse neppure questo collaboratore di primo piano s’è sentito di ricoprire. Che la macchina politica del sultano perda amicizie di peso (Gülen) o pezzi pregiati (l’ex presidente Gül) è cosa consolidata e non è detto che non incrini le certezze dei suoi programmi. Oppure lo stop all’uomo dei segreti parte proprio dal‘sultano kemalista’ che, fra amici, ex amici, neo nemici sviluppa un turbinio di situazioni volendo conservare una centralità che appare sempre più spericolata e ingombrante.
7 febbraio 2015

articolo pubblicato su http://enricocampofreda.blogspot.it

Enrico Campofreda

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «I cento volti della Turchia»

Ultime notizie dell'autore «Enrico Campofreda»

6715