il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Un fil di fumo

Un fil di fumo

(10 Maggio 2010) Enzo Apicella
La riunione straordinaria dell'Ecofin vara un piano di aiuti di 500 miliardi di euro per la Grecia e gli altri paesi europei in crisi

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Capitale e lavoro)

CUB Trasporti: IL DIRITTO ALLE FERIE NON SI TOCCA

(9 Febbraio 2015)

cubtrasporti

Riteniamo che la proposta presentata da alcune OS, dopo un incontro privato con l’Azienda, sull’argomento della fruizione dei congedi, in particolare del personale mobile di Firenze e Roma, sia fortemente negativa per un aspetto fondamentale della vita di lavoratori già sottoposti a turni atipici, che necessitano di un adeguato recupero psicofisico.
Troviamo inaccettabile e frutto di un dilettantismo quantomeno sospetto, “contrattare” un numero di ferie nettamente inferiore a quello contrattualmente esigibile.
Innanzitutto sembra che nessuno sappia quale sia il metodo per calcolare i giorni di ferie ai quali i lavoratori hanno DIRITTO e che non devono elemosinare!
Applichiamo la semplice formula (106, numero degli agenti X 32, giorni di ferie spettanti annualmente) + (12, festività annuali X 106, numero degli agenti dell’impianto) = 4664,00.
Tale cifra identifica i giorni di assenza totali di tutto l’impianto e va divisa per il numero dei giorni dell’anno: 365.
Risulta 12,78 cioè almeno 13 GIORNI ESIGIBILI, in quanto a tale ammontare annuo non abbiamo aggiunto le percentuali di assenza per malattie/infortuni/donazioni sangue/ Ag di varia natura (sindacale, L. 104 etc.) e non abbiamo aggiunto volutamente i 5 giorni di formazione contrattualmente previsti (articolo 48.4 CCNL).
Tutto questo fa capire che i miserabili 3 giorni ufficialmente concedibili, più i 5 dati sottobanco, perché di questo si tratta, sarebbero un autentico regalo all’Azienda, in quanto sono INFERIORI AL MINIMO CHE L’AZIENDA E’ OBBLIGATA CONTRATTUALMENTE A DARE per sfogare nell'anno solare, le ferie annuali previste.

La normativa e le condizioni di lavoro del personale mobile sono le più gravose di tutta la ferrovia: 10 ore di lavoro, pause pasto di mezz’ora risicata, riposi fuori residenza di 24 ore ecc.. per quale motivo i lavoratori dovrebbero sottomettersi al ulteriori vessazioni? Per quale motivo certi sindacati, ignorando o fingendo di ignorare i diritti che devono difendere, tentano di far passare un accordo bidone come il migliore degli accordi possibili?
Le mancanze nel fabbisogno giornaliero di agenti devono essere risolte con nuove assunzioni!
Tentare di risolverle tagliando i diritti dei lavoratori è vergognoso e inaccettabile!
Tali forzature peraltro si inseriscono, nei depositi Bordo e Macchina di Roma e Firenze, in un clima di totale noncuranza verso le esigenze e le legittime aspettative dei lavoratori.
Inoltre a nostro avviso, il personale deve avere il diritto di controllare la situazione effettiva delle ferie tramite un sistema che garantisca la trasparenza delle prenotazioni.

COME ORGANIZZAZIONI SINDACALI PERTANTO SOSTERREMO CON OGNI MEZZO LE RIVENDICAZIONI ESPRESSE DEI LAVORATORI E LE INIZATIVE DECISE DALLE RAPPRESENTANZE RSU, DEMOCRATICAMENTE ELETTE.

Firenze, 7-2-2015

CUB TRASPORTI TOSCANA
ORSA SPV TOSCANA

6907