il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Stato e istituzioni    (Visualizza la Mappa del sito )

Crisi con gelata

Crisi con gelata

(18 Novembre 2010) Enzo Apicella
Dopo le dimissioni dei ministri di Futuro e libertà, è stata fissata per il 14 dicembre la verifica del governo in Parlamento

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Stato e istituzioni)

PER EMILIO LUSSU, NELL'ANNIVERSARIO DELLA MORTE

(4 Marzo 2015)

emiliolussu

Ricorre il 5 marzo l'anniversario della morte di Emilio Lussu (Armungia, 4 dicembre 1890 - Roma, 5 marzo 1975).
Lo ricordiamo riproponendo una nostra commemorazione di alcuni anni fa.
*
Molte cose abbiamo appreso da Emilio Lussu.
Che la guerra è sempre un orrore, è sempre un atroce delitto dei ricchi contro i poveri, è sempre e solo ingiustizia e violenza e follia, è sempre un crimine contro l'umanità: e quindi alla guerra tu devi opporti.
Che il fascismo è un male assoluto che offende, umilia, disumanizza le persone; è un male che annichilisce la dignità umana, la convivenza, la civiltà; è l'orrore che sempre e solo reca persecuzioni e stragi, miseria e sofferenza, iniquità e morte: e quindi al fascismo tu devi resistere sempre.
Che tutti gli esseri umani hanno ugualmente diritto alla vita, alla dignità, alla solidarietà; che tutti sono uniti dal dovere della responsabilità, della solidarietà, della condivisione; che tutti ed ognuno sono valore infinito e l'umanità si incarna ed esiste soltanto in ciascuno di essi e pertanto ogni essere umano è legato ad ogni altro essere umano da un dovere di fedeltà e di amore, di rispetto e di conforto, di fraternità: e quindi tu sempre devi adeguare il tuo agire alla massima aurea di considerare e trattare le altre persone come vorresti essere considerato e trattato tu, alla massima aurea di difendere ed aiutare le altre persone come la tua stessa persona, alla massima aurea di riconoscere che una è l'umanità e proprio tu devi lottare perché non sia oppressa, violata, annientata.
Che nessun essere umano è veramente libero finché vi sono degli esseri umani oppressi dalla violenza, dall'ingiustizia, dalla miseria; che nessun essere umano può essere felice finché vi sono degli esseri umani oppressi dalla violenza, dall'ingiustizia, dalla miseria; che nessun essere umano può trovare quiete finché vi sono degli esseri umani oppressi dalla violenza, dall'ingiustizia, dalla miseria; e quindi tu lotta e lotta e lotta per liberare l'umanità dalla violenza, dall'ingiustizia, dalla miseria.
Emilio Lussu è stato e resta uno dei grandi testimoni, maestri e compagni della lotta per difendere e promuovere la vita, la dignità e i diritti di ogni essere umano.
La memoria, la meditazione e l'assunzione di tutta la sua riflessione ed azione e speranza convoca alla scelta della nonviolenza: poiché la nonviolenza è la necessaria teoria e prassi concreta e coerente della solidarietà e della liberazione dell'umanità.
Vi è una sola umanità. La nonviolenza e' in cammino.
*
Una breve notizia su Emilio Lussu
Emilio Lussu, nato ad Armungia (Cagliari) il 4 dicembre 1890, fu ufficiale della Brigata Sassari nella guerra 1915-18 e più volte decorato al valor militare. Fondatore nel 1919 del Partito sardo d'Azione, deputato nel 1921 e nel 1924 prese parte alla secessione aventiniana. Perseguitato dal fascismo e deportato, evase da Lipari con Carlo Rosselli e Fausto Nitti, con i quali a Parigi fu tra i fondatori di "Giustizia e Libertà". Dirigente della Resistenza, ministro nel governo Parri e nel primo governo De Gasperi, senatore per varie legislature. Morì a Roma il 5 marzo del 1975. Tra le opere di Emilio Lussu: segnaliamo particolarmente Marcia su Roma e dintorni (1932), e Un anno sull'Altipiano (1938), editi dapprima in esilio a Parigi, ed in Italia solo dopo la Liberazione da Einaudi. Tra le opere su Emilio Lussu: Giuseppe Fiori, Il cavaliere dei Rossomori, Einaudi, Torino 1985.
*
Nel ricordo di Emilio Lussu proseguiamo nell'azione nonviolenta per la pace e i diritti umani; per il disarmo e la smilitarizzazione; contro la guerra e tutte le uccisioni, contro il razzismo e tutte le persecuzioni, contro il maschilismo e tutte le oppressioni.
Ogni essere umano ha diritto alla vita, alla dignità, alla solidarietà.
Oppresse e oppressi di tutto il mondo, unitevi nella lotta per la liberazione comune.
Solo la nonviolenza può salvare l'umanità.


Viterbo, 4 marzo 2015

Il "Centro di ricerca per la pace e i diritti umani" di Viterbo

6613