il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

Que viva Fidel

Que viva Fidel

(23 Ottobre 2012) Enzo Apicella
Fidel appare in pubblico per smentire la propaganda imperialista che lo dava per morto

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Dalla parte di Cuba)

LE “NUOVE” RELAZIONI TRA CUBA E USA: SARA’ DAVVERO POSSIBILE APPRENDERE L’ARTE DELLA CONVIVENZA CIVILIZZATA?

(17 Marzo 2015)

newrelations

I Giovani Comunisti di Forlì e l’Associazione Su La Testa sono lieti di invitare la cittadinanza interessata GIOVEDI’ 19 MARZO alle ore 20,30, presso IL CENTRO CULTURALE SAN FRANCESCO L’URLO in VIA MARCOLINI, 4 FORLI’ ad una serata di approfondimento su CUBA e sulle “nuove” relazioni internazionali che, anche a seguito della liberazione dei 5 prigionieri cubani del 17 dicembre 2014, il paese intraprenderà con gli STATI UNITI.

Ospite nonché relatore dell’evento sarà Roger Lopez Garcia, consigliere politico e stampa dell’AMBASCIATA di CUBA in Italia. La cosiddetta “normalizzazione” delle relazioni è un processo molto lungo e complesso. Di fatto, la volontà egemonica insita nella politica estera statunitense conduce a dubitare che possano esistere paesi in grado di stabilire con la potenza nordamericana una relazione normale, alla pari. Le premesse indispensabili poste dai Cubani e dal loro Presidente Raùl Castro per avanzare in questo cammino presuppongono la fine effettiva dell’embargo, el bloqueo, economico, commerciale e finanziario; la restituzione della base navale di Guantanamo, una rivendicazione territoriale storica che precede il trionfo rivoluzionario e che condurrebbe alla chiusura definitiva dell’aberrante carcere di massima sicurezza statunitense; la cessazione completa delle trasmissioni radio e televisive Martì in territorio cubano che costituiscono una flagrante violazione della sovranità nazionale e delle norme internazionali; la compensazione a Cuba degli immani danni provocati dal bloqueo tanto in termini economici quanto in termini umanitari.

Il Presidente cubano ha dichiarato che nessuna di queste rivendicazioni sarà negoziata a partire dal compiacimento delle esigenze statunitensi le quali implicano una strisciante ingerenza negli affari interni del paese e la rinuncia ai principi che reggono la politica nazionale limitando i diritti di sovranità territoriale di Cuba.

Infine, molte sono le parole che andrebbero spese sul processo di integrazione economica e politica ora in atto tra i paesi dell’America Latina e dei Caraibi, la CELAC, la quale, a fine gennaio 2015, ha unanimemente condannato l’embargo cui Cuba è ancora sottoposta reiterando la rivendicazione che tale blocco sia contrario ai principi sanciti dalla Carta delle Nazioni Unite e del Diritto Internazionale e che il suo mantenimento comprometta ingiustificatamente il benessere dei cubani nonché la pace e la convivenza tra le nazioni americane. A questo proposito, particolarmente enfatica è stata la ferma condanna da parte cubana delle sanzioni unilaterali e dei continui interventi esterni perpetrati dagli Stati Uniti in territorio venezuelano.

Laura Foschi
Segreteria PRC federazione di Forlì
Chiara Scarpellini
Giovani Comunisti Forlì

6306