">
il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Ventiquattro ore senza di noi

Ventiquattro ore senza di noi

(1 Marzo 2010) Enzo Apicella
Sciopero generale dei lavoratori migranti

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(L'unico straniero è il capitalismo)

ROMA, 23 MARZO: NON SIAMO MERCE

MANIFESTAZIONE IN PIAZZA DELL’ESQUILINO - ORE 10.00
Per permesso di soggiorno, accoglienza e lavoro dignitoso

(22 Marzo 2015)

usb

La Federazione USB di Roma e Lazio organizza la manifestazione cittadina NON SIAMO MERCE, che domani, 23 marzo vedrà in piazza dell’Esquilino a Roma migranti, richiedenti asilo e operatori dei centri di accoglienza per chiedere il permesso di soggiorno umanitario per tutti, un’accoglienza dignitosa e un lavoro dignitoso per tutti; stabilizzazione e reinternalizzazione dei servizi e dei lavoratori, e per dire no allo sfruttamento e al business dell’accoglienza.

I richiedenti asilo sono persone, adulti e bambini, che sono state costrette a fuggire dalle guerra e dai conflitti permanenti in corso nei loro paesi di provenienza. Sono guerre spesso volute dall’occidente, per accaparrare petrolio, oro e terre, ed alimentate con il traffico di armi. Nel nostro Paese i richiedenti asilo sono costretti a lunghissime attese per ottenere una risposta dalle Commissioni Territoriali e spesso si vedono negata l’evidenza di provenire da paesi in guerra o colpiti da carestie e malattie, provocate dalle politiche del FMI e della Banca Mondiale.

Inoltre i richiedenti asilo sono diventati, sul piano economico e politico, una vera merce: per i vari governi, per le forze razziste e xenofobe, nonché per molti gestori dei centri di accoglienza. Intanto vivono per mesi immagazzinati come pacchi, senza i servizi minimi di assistenza e costretti a frugare nei cassonetti dell’immondizia.

Il sistema Mafia Capitale, e non solo quello, ha consentito un giro di sfruttamento e arricchimento non solo sulla pelle dei richiedenti asilo e dei rifugiati ma anche degli operatori dei centri d’accoglienza, che si dedicano con passione a questo servizio e non sono più disposti a tacere sulla propria condizione di precarietà e sulle gravi inadempienze della gestione dell’accoglienza.



Roma, 22 marzo 2015

Unione Sindacale di Base Roma e Lazio

6129