il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

Giustizia e libertà

Giustizia e libertà

(20 Febbraio 2011) Enzo Apicella
Gli USA pongono il veto per evitare una risoluzione di condanna dell'ONU contro Israele per gli insediamenti illegali nei Territori occupati

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Imperialismo e guerra)

Repubblica turca, l’ora dei veleni

(29 Marzo 2015)

turkrepublic

Bülent Arinç, il vicepremier che non vuol far ridere le donne in pubblico, almeno così dichiarò l’estate scorsa in una frase rimasta celebre, critica Erdogan per i ripetuti tentativi di forzare la mano spingendo verso una trasformazione della Repubblica da parlamentare a presidenziale. Arinç, fondatore come l’ex capo dell’esecutivo diventato presidente del Partito della Giustizia e dello Sviluppo, considera queste spinte iniziative autoritarie con cui si fortifica solo un enorme potere personale, alla maniera di Putin. I reiterati interventi critici verso un politico che si ritiene un insostituibile perno del sistema turco stanno ormai assumendo contorni imbarazzanti: quasi ogni pronunciamento presidenziale viene setacciato con cura dal collega-rivale che, pur non mostrando un carisma pari a Erdogan, può vantare un buon seguito in una delle zone industriali del Paese. Si tratta dell’area di Bursa, dove il presidente proprio grazie ai buoni uffici di Arinç s’è creato uno zoccolo duro di sostegno fra quei lavoratori e piccoli imprenditori, che nell’ultimo quindicennio hanno spinto in avanti la locomotiva economica turca.

L’intraprendente Arinç mette i bastoni fra le ruote anche al recente rilancio di contatti fra l’Atatürk islamico e Öcalan, interrotti due anni or sono e rimasti in crisi dopo il ritiro dal ruolo e da un possibile ingresso in politica del capo del Mit Fidan. Questi è stato un collaboratore fidatissimo di Erdogan che rimase interdetto alla notizia delle dimissioni. La ripresa di colloqui col leader kurdo prigioniero, oltre a riaprire i contatti sull’annosa questione della copiosa minoranza, potrebbe consentire a Erdogan di ottenerne l’appoggio parlamentare al possibile disegno di legge presidenzialista per il quale l’Akp non ha la maggioranza assoluta (gli mancano una cinquantina fra seggi e voti). Arinç ha ultimamente bacchettato Erdogan perché non ha mantenuto le promesse sul suo ruolo ma s’è trovato aggredito da un altro fedelissimo del presidente: il sindaco di Ankara Gökçek, che lo accusa d’essere diventato un membro del movimento Hizmet, il gruppo con cui Fetullah Gülen lancia attacchi al sistema erdoganiano. Veleni ricambiati: establishment corrotto e autoritario da una parte, golpismo da Stato parallelo dall’altra per un panorama politico rissosissimo, seppure all’apparenza non deteriorato. Le consultazioni di giugno preparano scontri infuocati e incrociati.
29 marzo 2015

articolo pubblicato su http://enricocampofreda.blogspot.it

Enrico Campofreda

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «I cento volti della Turchia»

Ultime notizie dell'autore «Enrico Campofreda»

8812