il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale, ambiente e salute    (Visualizza la Mappa del sito )

Arsenico Lupin

Arsenico Lupin

(6 Dicembre 2010) Enzo Apicella
Emergenza in Lazio per le concentrazioni di arsenico nell'acqua superiori ai livelli stabiliti dalla UE

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

  • PICCOLA RUMINAZIONE IN LODE DELLE RAGAZZE E DEI RAGAZZI CHE IN QUESTI GIORNI...
    (UN DISCORSO FATTO A VITERBO NELL'ANNIVERSARIO DELLA NASCITA DI ALFIO PANNEGA)
    (21 Settembre 2019)
  • costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

    SITI WEB
    (Capitale, ambiente e salute)

    Beni comuni: cominciamo dall'acqua

    (28 Aprile 2015)

    benicomunicominciamo

    Il comitato territoriale di Forlì de “L'Altra Europa”, nonché “L'Altra Emilia-Romagna”, esprime il pieno sostegno alla manifestazione, indetta dai comitati di “Acqua Bene Comune” dell'Emilia-Romagna, contro la preannunciata decisione della maggioranza dei Consigli Comunali di modificare lo statuto di Hera ed il patto di sindacato dei soci pubblici, nonché contro la cessione di quote detenute in Hera da parte degli stessi. Per effetto di queste delibere, la quota di proprietà pubblica detenuta nella grande multiutility passerebbe dal 51% al 38% del pacchetto azionario. Temiamo che altri comuni oltre a Modena, Bologna e Parma cedano le quote di proprietà pubblica al mercato finanziario, secondo un preciso disegno regionale. Continua a concretizzarsi la privatizzazione del servizio idrico integrato, preso d’assalto dal capitale finanziario, nonostante l'esito positivo del referendum con cui 27 milioni di italiani hanno sostenuto la necessità di rendere nuovamente pubblico il servizio.
    Già l’art. 7 dello Sblocca Italia aveva istituito il principio di unicità di gestione ottimale per ciascun ambito territoriale, sottraendo agli enti pubblici di controllo la gestione stessa delle risorse idriche. 
    Sempre sulla stessa linea è la legge finanziaria che tiene sotto scacco gli EE.LL., escludendoli dai vincoli del patto di stabilità, nel caso in cui vendano le quote pubbliche nelle società partecipate con la conseguente assicurazione dell’accesso agli introiti che ne derivano.
    I Comuni, in numero crescente anche nella nostra regione, che si vedono ridurre i trasferimenti da parte dello Stato, cedono le loro partecipazioni nelle grandi multiutility: si veda il caso di Bologna col sindaco Merola e quello di Parma, in cui la giunta Pizzarotti cede alle banche quote rilevanti di azioni detenute in IREN in nuda proprietà come garanzia di ulteriori finanziamenti, al fine di sanare l’ingente debito pubblico.
    La logica è quella di ridurre sempre più la partecipazione e il controllo pubblico, cedendo quote al mercato azionario, trattando i diritti dei cittadini come pura merce di scambio, svendendo i beni comuni, tra i quali in particolare il servizio idrico. 
    La prospettiva è assolutamente miope: mantenere l’equilibrio finanziario dei conti pubblici, producendo altro debito, sottomettersi alla dittatura del capitale finanziario, tagliando i servizi di welfare e decretando dunque la fine del potere pubblico e del suo conseguente ruolo di difesa del preminente interesse collettivo. 
    La stagione di lotta per la difesa dei beni comuni deve riprendere con grande vigore, perchè fortissimo è l'attacco che viene perpetuato in maniera sempre più pesante dal governo Renzi.

    L’Altra Europa - Comitato di Forlì
    Laura Foschi
    Euro Camporesi
    Chiara Mancini

    Fonte

    Condividi questo articolo su Facebook

    Condividi

     

    Ultime notizie del dossier «Acqua bene comune»

    14327