il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

La fatalità

La fatalità

(25 Novembre 2008) Enzo Apicella
Per Berlusconi è stata una fatalità il crollo che ha ucciso Vito Scafidi nel liceo Darwin di Rivoli

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

APPUNTAMENTI
(Capitale e lavoro)

SITI WEB
(La controriforma dell'istruzione pubblica)

Sciopero della scuola: una straordinaria crescita della mobilitazione

(5 Maggio 2015)

scuolamobilitazione

L'andamento dello sciopero della scuola e delle moltissime manifestazioni svoltesi a livello locale liquida senza possibilità di smentita la pretesa del Governo di considerare la mobilitazione delle lavoratrici e dei lavoratori della scuola l'espressione di una solida resistenza all' "innovazione".
In tutte le piazze italiane centinaia di migliaia di lavoratori, studenti, cittadini hanno affermato un'idea di scuola assolutamente chiara: pubblica, fondata sulla libertà di insegnamento, sulla collegialità e sulla cooperazione.
Una scuola adeguata alle esigenze di crescita culturale ed umana delle nuove generazioni, lontana dalle pretese degli apologeti del mercato, dei cantori della gerarchia, della competizione e delle privatizzazioni.
Il fatto più interessante a cui abbiamo assistito oggi è il livello altissimo di partecipazione del popolo della scuola e la presenza di gruppi di lavoratori e studenti di singoli istituti con propri striscioni.

Questo sciopero costituisce la seconda tappa importante della battaglia contro l'idea reazionaria di scuola e di società che il governo Renzi vuole affermare con la prepotenza che ne caratterizza l'operato. Segue infatti lo sciopero nazionale del 24 aprile e rende chiaro a tutti che gli obiettivi della battaglia attuale sono:

1. ritiro del ddl impropriamente definito "la buona scuola";
2. immediata assunzione su tutti i posti disponibili del personale precario;
3. rinnovo contrattuale con forti incrementi retributivi;

Si tratta del momento iniziale di una lotta che sarà lunga, per questo la CUB Scuola Università e Ricerca considera inaccettabile ogni tentativo di aggiustamento "cosmetico" del ddl e propone ai colleghi, ai coordinamenti, alle forze sindacali di proseguire la mobilitazione con il boicottaggio delle prove invalsi nei giorni 6,7 e 12 maggio e con l'organizzazione dello sciopero degli scrutini finali.


Torino, 5 maggio 2015

Per la CUB Scuola Università Ricerca
Il Coordinatore Nazionale
Cosimo Scarinzi

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Notizie sullo stesso argomento

Ultime notizie del dossier «La controriforma dell'istruzione pubblica»

Ultime notizie dell'autore «Confederazione Unitaria di Base»

4185