il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Mani bianche

Mani bianche

(23 Dicembre 2010) Enzo Apicella
Manifestazioni in tutte le città contro il decreto Gelmini

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(La controriforma dell'istruzione pubblica)

I FERROVIERI ACCANTO A STUDENTI E INSEGNANTI PER UNA SCUOLA PUBBLICA, LIBERA ED ADEGUATA

(23 Maggio 2015)

cubtrasporti

Le finte riforme del Governo Renzi sono in realtà svendita e smantellamento dei Servizi Pubblici.

In particolare la sofisticazione delle Scuola Pubblica voluta dal ministro Giannini è l’ultimo atto di un processo di svendita del diritto all’Istruzione, che in Italia è in atto da oltre 30 anni.

Siamo stufi di vedere insegnanti sbattuti come merci in giro per l’Italia per un posto di lavoro, di vedere gli studenti dover abbandonare le proprie città per indisponibilità di classi, stufi di pagare carta, fotocopie, libri, in un vorticoso aumento dei costi per le famiglie italiane, di un servizio che dovrebbe essere pubblico in quanto già pagato dalle tasse dei lavoratori.

Intanto però si trovano i soldi (tanti) da dare alle scuole private e si spende miliardi per l’insegnamento della ora di religione cattolica.

La nuova riforma aggrava ulteriormente una situazione già ignobile; si stabilizza una parte di precari eliminando tutti gli altri e creando una vergognosa guerra tra poveri, gettando nella disperazione migliaia di giovani insegnanti e demolendo con loro una risorsa inestimabile per il futuro di questo paese.

Inoltre si aggrava il sovraffollamento delle classi e si disegna un ruolo repressivo per i dirigenti scolastici chiamati a soffocare ogni dissenso di insegnanti ed alunni.

Una Scuola libera, democratica, efficiente e gratuita, sono i capisaldi del diritto fondamentale ed essenziale alla istruzione; per difenderlo come ferrovieri siamo pronti a mobilitazioni unitarie e a scioperi generali nazionali.

Fermiamo l’attacco alla Scuola e agli altri servizi pubblici essenziali, uniamo le lotte di lavoratori e studenti per un futuro di dignità e di speranza.

20/05/2015

Ferrovieri della CUB Trasporti
Maurizio Barsella

4596