il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Spead

Spead

(10 Luglio 2012) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

  • Frosinone/Rieti. Aree di crisi complessa. PCI: subito un intervento per i lavoratori senza soldi dal 2 gennaio 2020
    Già da prima del coronavirus questi lavoratori attendevano un sostegno, ora è dramma sociale
    (29 Marzo 2020)
  • costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

    SITI WEB
    (Capitale e lavoro)

    FIRENZE, 29 LUGLIO: A MENTE FREDDA SULLA GRECIA

    (25 Luglio 2015)

    Dopo i clamori e gli entusiasmi determinati dal referendum in Grecia con la vittoria dei no pensiamo sia importante lasciare da parte i sentimenti di pancia e rimettere al centro dell'attenzione la riflessione, la conoscenza dei fatti e delle varie posizioni politiche. Guidati dalle suggestioni dei mass-media come già successo dopo l'attacco a Parigi con Je suis Charlie, oggi sono tutti OXI dandone un valore distorto.
    I comunisti non devono farsi trascinare da sensazioni e tifoserie, ma mettere al centro della propria analisi la conoscenza dei fatti e, soprattutto, il senso di classe degli avvenimenti. La sinistra democratica italiana, succube di anni di concertazione e tatticismi parlamentari con il PD, tenta di rilanciarsi sfruttando il referendum in Grecia portando avanti un fronte europeo con Syriza e Podemos e la battaglia di democratizzazione dellUnione europea, per un capitalismo più umano e caritatevole e una diversa distribuzione della ricchezza.
    Altre forze che si definiscono rivoluzionarie danno un valore diverso dei fatti tanto da sostituire la loro volontà che diventa velleità alla realtà concreta dello scontro di classe. Lo abbiamo già visto con l'appoggio alle rivolte arabe, in Siria, come in Libia, con le proposte di improbabili Albe mediterranee o con la speranza che Syriza possa diventare un soggetto rivoluzionario.
    Tutti uniti nel negare o nascondere il ruolo dei comunisti e le loro proposte sia in Grecia che nelle altre parti del mondo.
    Nel nostro paese questo rimanere alla tifoseria, alla superficialità degli avvenimenti, porta ad accontentarsi del male minore e allontana il processo di organizzazione della classe sul piano politico con la ricostruzione del suo Partito comunista e alimenta la frantumazione anche sul piano sindacale. Ciò favorisce nei fatti la ricomposizione dei vari riformisti che, sconfessati dalla crudeltà del sistema capitalista nei confronti della classe operaia e delle masse popolari e scomparendo ogni spazio riformista si agitano come i pesci quando manca loro lacqua.
    Oggi più che mai risuonano e sono attuali le indicazioni di Gramsci agli operai e ai rivoluzionari: Agitatevi perché avremo bisogno di tutto il vostro entusiasmo, organizzatevi perché avremo bisogno di tutte le vostre forze, studiate perché avremo bisogno di tutta la vostra intelligenza.
    Ne parliamo mercoledì 29 luglio alle ore 21,15 presso la redazione di nuova unità via R. Giuliani, 160R Firenze

    Comitato comunista Fosco Dinucci, Firenze

    Fonte

    Condividi questo articolo su Facebook

    Condividi

     

    Ultime notizie del dossier «NO al diktat della borghesia imperialista europea»

    3978