">
il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

Caduta pietre

Caduta pietre

(6 Agosto 2010) Enzo Apicella
L'ex presidente della Liberia Charles Taylor sotto processo al tribunale dell'Aja, accusato di essere coinvolto nella guerra civile per il controllo dei diamanti della Sierra Leone

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Imperialismo e guerra)

Cairo, la bomba black bloc

(20 Agosto 2015)

black bloc egyptian

Fanno esplodere tre ordigni in piena notte e si firmano black bloc. Non a Roma o Parigi, a Shubra El-Kheima e Al-Dokki, distretti settentrionali del Cairo. Lesionato uno dei palazzi che ospita l’Intelligence egiziana, otto poliziotti feriti, e un attentatore, secondo quanto riferisce una testimonianza, parcheggia l’auto-bomba e fugge su una moto che lo seguiva. Un copione studiato nei dettagli, da chi è bene capire. Perché questa tipologia di ‘semina del terrore’ che cerca, per quanto può, di limitare il sangue versato negli attentati, è presente da circa tre anni nel grande paese arabo. Ha accompagnato l’ascesa del generale, ora presidente e di fatto dittatore, e ne suggella il potere. Una strategia che sembra mirata e aiuta a sostenere il disegno securitario di Al-Sisi, che due giorni fa aveva ulteriormente stretto il controllo della sua casta sulla vita politica e sociale. Sono stati introdotti inasprimenti di pena verso chi è accusato di terrorismo (da mesi non solo la Fratellanza Musulmana, ma qualsiasi opposizione) e soffocata ulteriormente l’informazione che può essere perseguita con l’arresto e multata con sanzioni salatissime (fino a 50.000 euro) per notizie considerata “false” e comunque d’ostacolo alla linea presidenziale. E allora Sisi si vara la norma (il Parlamento egiziano non esiste più dall’estate del 2013) e inscena l’attentato? E’ un’ipotesi, se non per questa per qualcuna delle tante esplosioni incrociate in trenta mesi.

Le risultanze in fatto di controllo socio-politico sono favorevolissime all’immagine d’un raìs e un esercito garanti “dell’incolumità della nazione”. Certo è possibile che frange della galassia repressa, i movimentisti di Tahrir non quei tamarod diventati nel 2013 i galoppini consapevoli o meno della restaurazione politica, si diano fogge simili al laicismo anarcoide degli incappucciati no global. Com’è ancora più probabile - lo diciamo da tempo - che nuclei giovanili dell’attivismo della Brotherhood possano aver intrapreso strade armate accanto ad altri soggetti inseriti nel confronto-scontro in atto. Del radicalismo islamico che nel Sinai ha stretto una collaborazione pro jihadista con l’Isis, s’è parlato in più occasioni e in relazione a loro azioni specifiche. Questo genere d’attacco a uomini e cose non è solamente scenografico, punta a colpire duro, uccide tramite assalti, agguati, esplosioni. Come nei luoghi dove il Daesh vuole stabilire un proprio controllo (Siria, Iraq, Rojava, Libia) i jihadisti del Sinai, con Ansar Beit Al-Maqdis in testa, mirano a disarticolare autorità e presenza sul territorio delle truppe del Cairo. Taluni angoli della penisola sul Mar Rosso si prestano; i militari di Sisi possono solo bombardarli dall’alto, muovendosi a terra rischiano visto che coi locali beduini i miliziani islamici hanno stabilito rapporti e legami. Ma fra scontri con armi leggere e mezzi corazzati ce ne passa. Eppure la promessa “pulizia” del Sinai non avviene e prevalgono i tatticismi. D’ogni fazione.
20 agosto 2015

articolo pubblicato su enricocampofreda.blogspot.it

Enrico Campofreda

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Paese arabo»

Ultime notizie dell'autore «Enrico Campofreda»

6991