il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Addio mondo

Addio mondo

(13 Settembre 2012) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

  • E' uscito il n. 77 di "Alternativa di Classe"
    (23 Maggio 2019)
  • costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

    SITI WEB
    (Capitale e lavoro)

    Capitale e lavoro:: Altre notizie

    Ma i dipendenti pubblici sono pagati troppo? Inizia la campagna di informazione dei cobas.

    Il governo Renzi e le amministrazioni locali stanno contraendo servizi

    (5 Settembre 2015)

    La campagna contro i lavoratori pubblici continua dalle pagine di alcuni giornali e di sicuro effetto per alimentare la disinformazione e i luoghi comuni.

    Secondo quanto riportato dal quotidiano Il Tempo del 31 agosto 2015 i salari del pubblico impiego sarebbero assai superiori a quelli del privato.

    Il messaggio è molto chiaro: abbiamo bloccato da sei anni gli stipendi pubblici ma questi continuano ad essere piu' alti degli altri lavoratori, lavorano meno e guadagnano troppo, ben il 23,4% in più.

    Di conseguenza la nostra richiesta di rinnovare i contratti e di calcolare gli aumenti in base al reale costo della vita verrebbe a cadere, giustificata non solo dal pareggio di bilancio in costituzione e dal fiscal compact ma da ragioni pratiche e di opportunità (della serie "invece di pagare i fannulloni aumentate le pensioni sociali ).

    I dati del Tempo sono attinti dall'Aran che parla di una media della retribuzione pubblica pari a 34.286 euro, quando nel privato la media è di 27.772 euro.


    I dati non sono taroccati ma non tengono comunque conto dello stipendio dei dirigenti che si portano a casa stipendi superiori di 10\15 volte a quelli di un livello medio, per non parlare poi dei bassi livelli degli enti locali che in un anno hanno un cud di poco superiore a 23 mila euro con qualche straordinario compreso, una cifra assai più bassa della media delle retribuzioni nel privato.

    Dati alla mano allora si scopre l'inganno, ossia che nel conteggio sono inclusi i quasi 7000 tra dirigenti e segretari comunali per non menzionare poi i titolari delle posizioni organizzative.

    La sperequazione salariale negli enti locali regna sovrana e viene alimentata da meccanismi contrattuali che hanno relegato la contrattazione stessa a materie insignificanti.

    Ci sono poi stipendi come quelli dei magistrati o dei diplomatici che superano anche 100 mila euro annui e riguardano migliaia di persone stravolgendo al rialzo le statistiche.

    Ma ci sono poi domande che riguardano i cittadini come i tempi di attesa per alcuni servizi: file lunghe agli sportelli, burocrazia derivante dai mancati investimenti per digitalizzare pratiche e ricerche costringendoci a passare da un ufficio all'altro. Anche questo provoca disaffezione verso i servizi pubblici ed induce a ritenerli inadeguati e certe volte inutili come dimostrato dalle lunghe file di attesa per prestazioni sanitarie che ci costringono a ricorrere ai privati.

    Ma i lavoratori e le lavoratrici pubblici non sono identificabili con dirigenti, diplomatici e magistrati o rettori universitari, basterebbe riportarlo per ripristinare qualche piccola verità, non sono loro i responsabili dei disservizi che pagano da anni con il blocco dei salari e delle assunzioni.

    La stragrande maggioranza dei dipendenti enti locali ha uno stipendio che si aggira attorno a 25 mila euro, meno della media del privato, questo è il vero dato incontrovertibile che da solo basta a confutare i luoghi comuni di una stampa asservita al potere politico dominante delle privatizzazioni.

    Per il Cobas Pubblico Impiego
    F. Giusti

    7442