il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Mercenari di Berlusconi

Mercenari di Berlusconi

(28 Febbraio 2011) Enzo Apicella
Silvio Berlusconi difende la scuola cattolica contro quella pubblica che subirebbe l'influenza deleteria di ideologie che non rispettano la verità

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

APPUNTAMENTI
(Capitale e lavoro)

SITI WEB
(Flessibili, precari, esternalizzati)

BOLOGNA: CONTESTIAMO POLETTI, IL MINISTRO DELLA PRECARIETA' E DEL RICATTO.

APPUNTAMENTO GIOVEDI' 22 OTTOBRE ORE 15.00 STRADA MAGGIORE 23 - BOLOGNA

(21 Ottobre 2015)

ross@

Il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Giuliano Poletti, sarà a Bologna, in Strada Maggiore, ospite d'onore di una iniziativa organizzata nel pomeriggio di Giovedì 22 ottobre da Ascom/Confcommercio.
Gli sviluppi dell'indagine su Mafia Capitale ci raccontano dell'intreccio criminale tra importanti settori della politica targati PD, mafia, fascisti e mondo delle cooperative.

Questa sola ragione sarebbe sufficiente per contestare il ministro Poletti, da sempre dirigente del "sistema coop", esempio della trasformazione del Pd e del sistema cooperativistico in chiave padronale e affaristica.
Ma Poletti è anche braccio destro (sì, proprio destro) di Renzi e responsabile principale del Jobs Act, quell'insieme di legge e decreti che ha l'obiettivo di precarizzare e ricattare lavoratori e disoccupati.

Di questa legge padronale si è parlato molto a proposito dell'abolizione del diritto al reintegro per i licenziamenti ingiusti, ma altri aspetti importanti sono passati in secondo ordine: dalla libertà di demansionare e controllare i lavoratori fino alle norme capestro per i disoccupati.

Per queste ragioni Giovedì 22 Ottobre saremo in Strada Maggiore, per contestare il ministro del ricatto della cancellazione dei diritti delle lavoratrici e dei lavoratori, dei precari e dei disoccupati.
Facciamo appello a tutte le realtà politiche, sociale e sindacali conflittuali per definire e costruire assieme la scadenza, per cominciare a sgretolare i muri di quella caserma del lavoro e del non lavoro che stanno cercando di costruirci attorno.

Ross@ Bologna

4840