il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

No nightmare

No nightmare

(18 Settembre 2013) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

APPUNTAMENTI
(Imperialismo e guerra)

  • 11 Dicembre 2019 - Milano
    Guerra permanente e rivolta sociale
    Ruolo e presenza militare dell’Italia
    Libano, Iraq, Iran, Kurdistan e….

SITI WEB
(Il nuovo ordine mondiale è guerra)

Marghera: resoconto dell'iniziativa contro la guerra del 24 ottobre

(26 Ottobre 2015)

Marghera, 25 ottobre 2015

no trident

Cari compagni,


Ci fa piacere informarvi che l'iniziativa convocata ieri, 24 ottobre, a Marghera dal Comitato di sostegno ai lavoratori Fincantieri contro l'esercitazione Trident e contro le molteplici spinte alla guerra che stanno rafforzandosi nel mondo, in concomitanza con la manifestazione organizzata a Napoli, è riuscita.

Numeri limitati (una trentina di partecipanti), ma una sequenza di interventi significativi di compagni della Fincantieri, del Petrolchimico, della scuola, del pubblico impiego, del terzo settore, degli organismi di sostegno alla Palestina, con la presenza di studenti immigrati e non. Il tema forte dell'assemblea, già dalla sua introduzione, è stato quello del carattere di classe, anti-proletario delle spinte verso la guerra/le guerre, dello strettissimo intreccio tra le guerre 'esterne' scatenate o condotte direttamente dalle potenze imperialiste e la guerra di classe dall'alto, dei capitalisti contro i lavoratori, in atto in tutti i paesi occidentali. La denunzia dell'operato del governo Renzi sia sul piano "esterno" (conferma delle spese militari e degli acquisti degli F-35, partecipazione attiva alle due grandi esercitazioni NATO, mantenimento delle truppe in Afghanistan, etc.) che su quello interno (Jobs Act, iniziative contro il diritto di sciopero e il contratto nazionale, militarizzazione strisciante dei territori, impiego dei richiedenti asilo come lavoratori di pulizia senza nessuna forma di salario, detassazione del capitale, etc.) è stato un altro tema ricorrente del dibattito, che ha svolto anche una critica senza sconti alla "sinistra". Insomma, un'analisi di stampo per nulla geo-politico, e che ha messo capo all'impegno di rivedersi a breve per portare queste tematiche in un'area assai più ampia di lavoratori e di giovani, con la fiducia di fondo in un duplice dato di fatto di enorme importanza: 1) la profondità della crisi di sistema del capitalismo, il suo carattere irrisolto, che moltiplica le difficoltà del nostro nemico di classe; 2) la compiuta internazionalizzazione della nostra classe, dentro un processo di proletarizzazione del mondo, che moltiplica oggettivamente la nostra forza, nonostante le divisioni e la debolezza del momento.

Saluti fraterni

I compagni del Comitato di sostegno ai lavoratori Fincantieri

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Il nuovo ordine mondiale è guerra»

4228