il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Pro memoria per Monti

Pro memoria per Monti

(5 Dicembre 2011) Enzo Apicella
Il governo Monti propone la sua ricetta contro la crisi. Nessun taglio alle spese militari

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

APPUNTAMENTI
(Capitale e lavoro)

  • 18 Ottobre 2019 - Mestre (VE)
    Contro lo sfruttamento del lavoro e della natura, contro repressione e militarismo, per un fronte di lotta anti-capitalista

SITI WEB
(Capitale e lavoro)

UE: un nuovo sonoro NO dal popolo danese

(5 Dicembre 2015)

Pubblichiamo volentieri questo comunicato, inviatoci da Piattaforma Comunista

E’ stata una vittoria del popolo contro la classe dominante e l’establishment dell’Unione Europea, dal momento che i danesi hanno manifestato il 3 dicembre 2015 un sonoro all’integrazione sovranazionale.
Questo significa che la Danimarca non farà automaticamente parte dell’Europol sovranazionale e la legislazione sugli affari penali e civili rimarrà nelle mani del parlamento danese.

Il 53,1% dei votanti ha detto NO, il 46,9% ha detto SI. Ha partecipato il 72% degli elettori.

Per la terza volta i danesi hanno votato per un chiaro NO alla costruzione dell’Unione Europea. Hanno detto NO al trattato di Maastricht nel 1992, NO all’euro nel 2000 e NO al cambiamento dello status della Danimarca nel 2015.
“Il popolo ha votato contro la classe dirigente e la coalizione di partiti politici, i burocrati e i vertici dei sindacati che mano nella mano gli dicevano di votare SI” – dichiara Dorte Grenaa, presidentessa del Partito Comunista degli Operai di Danimarca (APK).
E conclude: “E’ stato un NO della classe operaia, dei larghi strati della popolazione danese. E’ stato un NO della gioventù. La giovane generazione dice NO all’UE, NO a più Unione Europea, NO al piano di instaurazione degli “Stati Uniti d’Europa”.
Il voto per il NO non è stato un voto di destra, ma un voto popolare. Anche questa volta il fattore decisivo del successo della campagna per il NO è stato l’ampio Movimento Popolare contro l’Unione Europea, che è rappresentato nell’europarlamento.

Ora l’élite politica danese si prepara a interpretare e distorcere il risultato. Ma un NO è un NO. E lo è stato per la terza volta.
Il popolo britannico sta per andare a breve un referendum sulla permanenza in nuovi termini nell’Unione Europea o sull’uscita. Il referendum danese avrà un’influenza sulla situazione e sulla resistenza contro il processo di “ancora più unione “ dell’UE.
4 dicembre 2015

Partito Comunista degli Operai di Danimarca - APK

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «NO al diktat della borghesia imperialista europea»

Ultime notizie dell'autore «Piattaforma Comunista»

10242