il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

Lo stupro di Assange

Lo stupro di Assange

(19 Novembre 2010) Enzo Apicella
Svezia: ordine di arresto per stupro nei confronti di Julian Assange, fondatore del sito Wikileaks

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Il nuovo ordine mondiale è guerra)

Roma, 11 dicembre: manifestazione contro la guerra in Piazza della Marranella

(10 Dicembre 2015)

Appuntamento Venerdi 11-12-2015 ore 17.00
Piazza della Marranella
Torpignattara – Roma

manif a torpignattara

Denunciamo che;
Siamo uomini e donne
di Questo Mondo e Viviamo in questa quartiere e rifiutiamo le differenze basate sulla lingua, sul colore della pelle, sulla provenienza e sulla religione.

Pensiamo che l’accoglienza e l’accettazione della diversità siano garanzia di una vita all’insegna della giustizia e del rispetto reciproco.
Siamo accomunati dal quartiere che viviamo e dalla fiducia in una vita migliore. Abbiamo provato un grande dolore per le morti di parigi, come per quelle causate dalle bombe occidentali sulle popolazioni Iraqene, Siriane, Libiche, Afgane, Yemenite, Palestinesi. Parigi come Kabul, Lahore e Baghdad.

Pensiamo che la responsabilità di queste morti sia in primo luogo dei governi che da oltre 25 anni producono distruzione in ogni parte del pianeta.

A livello internazionale, i governi occidentali si nutrono del mercato delle armi, a livello nazionale tagliano servizi, sopprimono diritti, mettono gran parte della popolazione in ginocchio scagliandola nella povertà e nell’emarginazione, nella disperazione e nella miseria.

Siamo convinti che non siano gli immigrati né i musulmani a rappresentare il nostro nemico. Siamo convinti che sia necessario opporci alla guerra rivendicando allo stesso tempo migliori condizioni di vita. La guerra è morte, povertà e devastazione e noi, uniti, la rifiutiamo.

Torpignattara antirazzista prende la parola: scendiamo in piazza tutti assieme contro la paura, per costruire un quartiere unito e solidale

No alle guerre di aggressione e di rapina ai popoli del sud del mondo

No al razzismo

No alla criminalizzazione degli immigrati

Territori solidali

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Il nuovo ordine mondiale è guerra»

5399