il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Tai Chi?

Tai Chi?

(17 Dicembre 2011) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

APPUNTAMENTI
(Capitale e lavoro)

SITI WEB
(Capitale e lavoro)

F E R R O V I E R I 2016.

(1 Gennaio 2016)

Ci facciamo gli auguri come donne e uomini, come persone,
come individui, nella speranza che il domani sia migliore di ieri,
nel desiderio di stare bene in salute,
in pace con gli altri e con noi stessi,
magari anche compresi ed amati da qualcuna-o.

Ma noi, donne e uomini della ferrovia, non siamo solo individui,
ma anche parte di un tutto.
Siamo una categoria sociale.
Donne e uomini che svolgono lo stesso lavoro, spesso faticoso, stressante, sempre a turni.
Oltre che singoli, siamo agglomerato umano unito dalle medesime condizioni di lavoro.
E di vita quindi, cioè piu' o meno con gli stessi problemi,
e la stessa difficoltà a risolverli,
soprattutto quando ci proviamo da soli,
spesso soccombendo all'insuccesso.

E allora, oltre che augurarci un buon anno personale,
dovremmo augurarci un buon anno collettivo,
un buon anno da ferrovieri, ai ferrovieri!
Intanto riconoscendoci come un tutto e
non piu' solo come individui.
E poi cercando di scoprire, analizzare,
affrontare e magari superare i problemi che ci accomunano.

Sarebbe già un primo passo verso la riconquista di un'identità se non perduta, di certo sbiadita,
quasi sciolta nell'individualismo competitivo che,
non aggiustando la condizione di nessuno, peggiora quella di tutti.

Insomma, ritrovare la coscienza di un ruolo sociale che abbiamo sempre svolto, facendo muovere il paese ed accompagnando al lavoro ed a casa milioni di esseri umani come noi.

Questo è il mio augurio per il prossimo ed i prossimi anni per tutti noi, come donne, come uomini.

E come ferrovieri.

Pino ferroviere

5000