">
il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Stato e istituzioni    (Visualizza la Mappa del sito )

Ferrara

Ferrara

(26 Febbraio 2011) Enzo Apicella
Giuliano Ferrara scende in campo a favore di Berlusconi e ottiene la conduzione di una trasmissione subito sopo il Tg1

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Stato e istituzioni)

Una truffa istituzionale contro i lavoratori

(13 Febbraio 2016)

La riforma istituzionale predisposta dal governo Renzi è una truffa contro i lavoratori e contro le lavoratrici.

volantinopcl

Il Senato non sarà abolito. Semplicemente non sarà più eletto. In compenso senatori non eletti, designati tra i consiglieri regionali e i sindaci, avranno il potere di decidere sulle... leggi costituzionali. Una enormità! Solo la Camera voterà la fiducia al governo. Ma sarà una Camera eletta con una legge truffa, che trasforma una minoranza in maggioranza: al primo turno basterà avere il 40% dei voti per avere il 55% dei deputati; al secondo turno il partito vincente conquisterà comunque il 55% dei seggi, anche se al primo turno avesse preso il 20%. Il primo partito avrà dunque in mano il Parlamento italiano, Camera e Senato, indipendentemente dal suo grado di consenso nella società, come dal numero dei votanti. Il governo, espressione di quel partito, dominerà il Parlamento. Dunque controllerà di fatto la nomina della Presidenza della Repubblica e dei giudici costituzionali. Il Capo del governo diventerà perciò stesso una sorta di padrone d'Italia. E' il sogno dell' uomo solo al comando. Il sogno bonapartista di Matteo Renzi. (Ma anche di Grillo e Casaleggio, che non a caso sostengono la nuova legge elettorale voluta da Renzi).

È un caso se questa riforma istituzionale entusiasma Confindustria, i banchieri, i governi europei? No di certo. Il governo dell'uomo solo al comando è un esecutore ideale dei poteri forti. Più rapido ed efficiente nel varare misure di rapina contro i salari, contro il lavoro, contro i diritti sociali. Non è un caso se Renzi vende il proprio disegno istituzionale ai mercati finanziari come misura della propria credibilità. Anche quando chiede in Europa “maggiore flessibilità” (per poter detassare ancora i padroni e finanziare operazioni populiste acchiappa voti), porta in dote la riforma istituzionale: è il marchio di garanzia di un'efficace aggressione al lavoro.

Renzi ha messo in gioco il proprio futuro politico nel referendum sulla “riforma”? Bene: sarà una ragione in più per liberarsi insieme di una legge reazionaria e del governo più anti operaio degli ultimi 55 anni. Votando NO al referendum.

Ma la lotta per bocciare la riforma Renzi e il suo governo è inseparabile dalla necessità di una mobilitazione generale e di massa, che intrecci le rivendicazioni sociali della classe lavoratrice col recupero delle rivendicazioni democratiche più elementari: a partire dalla battaglia per una legge elettorale interamente proporzionale. L'unica soluzione che legando la rappresentanza al consenso stabilisca l'uguaglianza di ogni voto. Le sinistre italiane (SEL, PRC), che negli ultimi 20 anni hanno ciclicamente governato col PD sul piano nazionale e locale, gestendo austerità e sacrifici per i lavoratori, si sono non a caso inginocchiate alla “governabilità” della Seconda Repubblica, abbandonando persino la battaglia per la proporzionale. Una sinistra che scelga di stare sino in fondo con i lavoratori contro il capitalismo che li sfrutta può e deve rilanciare questa battaglia democratica.

Il PCL, l'unico partito che si batte contro il capitalismo per una Repubblica dei lavoratori, rivendica con forza la propria coerenza anche sul terreno della democrazia.

12 febbraio 2016

Partito Comunista dei Lavoratori

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «"Terza Repubblica"»

Ultime notizie dell'autore «Partito Comunista dei Lavoratori»

9290