il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Chi non occupa preoccupa)

Roma, Centri sociali e associazioni nel mirino di Tronca

(22 Febbraio 2016)

unioneinquilini

Unione Inquilini Spinaceto chiede che situazioni di morosità o di irregolarità vengano sanate considerando riqualificazione e chiede fermo immediato dei rilasci e moratoria applicazione della delibera 140

Il patrimonio immobiliare del Comune di Roma è da tempo oggetto di grande attenzione da parte dei mass media nazionali, suscitano giustamente indignazione le centinaia di immobili utilizzati da soggetti benestanti a canoni irrisori nei confronti dei quali si dovrebbe agire immediatamente per rilascio o l’adeguamento dei fitti.
La gogna mediatica invece si sofferma su quelle famiglie, spesso anziani, indigenti che utilizzano questi alloggi con canoni sociali, forse perché colpevoli di abitare al centro di Roma che qualcuno vorrebbe riservare ad altro ceto sociale.
Niente si dice sulla vera vergogna rappresentata da migliaia di immobili pubblici abbandonati ed inutilizzati a fronte i migliaia di famiglie in emergenza abitativa.

Nel contempo, senza i clamori dei mass media, il commissario Tronca sta provvedendo ad azioni giudiziarie per il rilascio di immobili comunali gestiti da anni da Centri Sociali e Associazioni che operano in molteplici settori del sociale.

Tale iniziative fa riferimento alla delibera 140 di aprile 2015 della giunta Marino che cancella di fatto la precedente delibera 26 del 1995 con la quale il comune concedeva propri immobili a canoni agevolati, pari al 20% del valore commerciale, ad Associazioni svolgenti attività sociali, di assistenza o sindacali senza fini di lucro.
Questa delibera stabilisce nuovi criteri delle concessioni basati su bandi pubblici con valori commerciali degli immobili e definisce il percorso
di recupero dei beni stessi.

Considerato che l’Associazionismo è basato quasi sempre sull’attivismo volontario esso non sarà in grado di affrontare affitti a valore commerciale e la loro eliminazione contribuirà ad incrementare la desertificazione sociale della nostra città.

In questi giorni l’azione del commissario Tronca è arrivata ad investire il Centro Polivalente di Spinaceto dove risiedono uffici pubblici, alcune realtà commerciali, un Centro Sociale e molteplici realtà dell’associazionismo di vario tipo, sindacale, di assistenza alle persone, culturale e di genere.

Il centro sociale “Auro e Marco” e
Luna e le Altre” hanno già ricevuto l’ingiunzione di rilascio, a seguire stessa sorte colpirà gli altri.

Unione Inquilini di Spinaceto ritiene che le situazioni di morosità o di irregolarità debbano essere urgentemente sanate considerando, però, l’azione di riqualificazione svolta su spazi lasciati al degrado nonché i servizi sociali sviluppati.

Unione Inquilini di Spinaceto, pertanto, chiede il fermo immediato dei rilasci ed una moratoria dell’applicazione della delibera 140 in quanto una gestione commissariale non può procedere con iniziative che comportano la cancellazione di esperienze sociali consolidate da decenni.

unioneinquiliniroma.it

6823