il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale, ambiente e salute    (Visualizza la Mappa del sito )

BP Louisiane blues

BP Louisiane blues

(2 Giugno 2010) Enzo Apicella
A 40 giorni dall'esplosione della piattaforma della British Petroleum fallisce l'ennesimo tentativo di bloccare la fuoriuscita di petrolio

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Capitale, ambiente e salute)

Sull'emergenza territorio

(3 Marzo 2016)

Una emergenza disattesa quella degli interventi sui territori per scongiurare il sempre più concreto rischio di alluvioni e frane

Da un recente rapporto sul dissesto idrogeologico in Italia a cura Ispra si traggono dati inequivocabili, infatti sono più di 7 milioni di italiani che vivono in aree a rischio frane e alluvioni e sul territorio italiano sono interessati l’88% dei comuni.

Alla luce di questi dati ci aspetteremmo che il Governo rivedesse la lista delle priorità perché nelle aree a rischio vivono oltre 7 milioni di persone, 1 milione in situazioni di grave pericolo per non menzionare poi i circa 6 milioni di cittadini-e che vivono in aree soggette ad alluvioni

Se poi guardiamo alle regioni più interessate si capisce che ben 3 sono nel centro Italia (toscana inclusa) in aree per lo più densamente abitate

La emergenza della manutenzione del territorio e di interventi per prevenire frane e alluvioni territorio necessita di stanziamenti economici e interventi adeguati che vedono gli enti locali protagonisti assoluti, a essere in pericolo non sono solo palazzi pubblici ed abitazioni civili ma decine di migliaia di piccole e medie imprese

Il dissesto idrogeologico viene da anni sottovalutato da autonomie locali e Governi e gli interventi di prevenzione spesso rinviati per esigenze di bilancio.

Gli stanziamenti Governativi guardano più ai cantieri per la sicurezza delle città che ad interventi strutturali rivolti ai territori , sono in sospeso decine di progetti che vanno dai cantieri alle vasche di laminazione, dagli scolmatori alla messa in sicurezza degli argini senza dimenticare la pulizia dei fossi e dei corsi d'acqua.

Prevenire dovrebbe essere la parola d'ordine del Governo e dell'Anci visto che ogni anno alluvioni e frane provocano milioni di euro di danni.

cobaspisa.it

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Nessuna catastrofe è "naturale"»

Ultime notizie dell'autore «Cobas Pisa»

7831