il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale, ambiente e salute    (Visualizza la Mappa del sito )

Tutela dell'ambiente

Tutela dell'ambiente

(30 Marzo 2011) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Capitale, ambiente e salute)

Sull'emergenza territorio

(3 Marzo 2016)

Una emergenza disattesa quella degli interventi sui territori per scongiurare il sempre più concreto rischio di alluvioni e frane

Da un recente rapporto sul dissesto idrogeologico in Italia a cura Ispra si traggono dati inequivocabili, infatti sono più di 7 milioni di italiani che vivono in aree a rischio frane e alluvioni e sul territorio italiano sono interessati l’88% dei comuni.

Alla luce di questi dati ci aspetteremmo che il Governo rivedesse la lista delle priorità perché nelle aree a rischio vivono oltre 7 milioni di persone, 1 milione in situazioni di grave pericolo per non menzionare poi i circa 6 milioni di cittadini-e che vivono in aree soggette ad alluvioni

Se poi guardiamo alle regioni più interessate si capisce che ben 3 sono nel centro Italia (toscana inclusa) in aree per lo più densamente abitate

La emergenza della manutenzione del territorio e di interventi per prevenire frane e alluvioni territorio necessita di stanziamenti economici e interventi adeguati che vedono gli enti locali protagonisti assoluti, a essere in pericolo non sono solo palazzi pubblici ed abitazioni civili ma decine di migliaia di piccole e medie imprese

Il dissesto idrogeologico viene da anni sottovalutato da autonomie locali e Governi e gli interventi di prevenzione spesso rinviati per esigenze di bilancio.

Gli stanziamenti Governativi guardano più ai cantieri per la sicurezza delle città che ad interventi strutturali rivolti ai territori , sono in sospeso decine di progetti che vanno dai cantieri alle vasche di laminazione, dagli scolmatori alla messa in sicurezza degli argini senza dimenticare la pulizia dei fossi e dei corsi d'acqua.

Prevenire dovrebbe essere la parola d'ordine del Governo e dell'Anci visto che ogni anno alluvioni e frane provocano milioni di euro di danni.

cobaspisa.it

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Nessuna catastrofe è "naturale"»

Ultime notizie dell'autore «Cobas Pisa»

7920