il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

L'Islanda riconosce lo Stato Palestinese

L'Islanda riconosce lo Stato Palestinese

(3 Dicembre 2011) Enzo Apicella
Martedì scorso il parlamento islandese ha votato a favore del riconoscimento dei Territori Palestinesi come stato indipendente.

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Imperialismo e guerra)

Ankara, l’autobomba che viaggia in Medio Oriente

(14 Marzo 2016)

autobomba ankara

La normalità dell’autobomba - La Turchia che attacca e subisce, che conta vari nemici e vorrebbe aumentarne numero ed efficacia (detonatoria e di conflitto politico), la Turchia dell’establishment che cerca di normalizzare il terrorismo imparando a conviverci, che afferma di combatterlo senza far comprendere se riuscirà nell’intento o se ne servirà per governare in emergenza, rifà i conti con l’inquietante presenza dell’autobomba. Che come il 17 febbraio scorso s’acquatta fra i Palazzi del comando ma non li squassa, colpendo la Turchia delle gente comune, d’ogni tendenza politica e d’ogni etnìa, che s’accalca alle fermate dei bus e passa per strada. Questa Turchia guarda attonita, magari piange e si dispera, e riprende la marcia. C’è distacco e pacatezza nell’intervento degli addetti all’emergenza (polizia, vigili del fuoco, personale sanitario) che pure hanno l’ingrato compito di dover mettere mani e occhi dove più straziante è il passaggio della morte, sopportata come si trattasse di campi di battaglia. Il ruolo impone comportamenti che, qualora ci fosse e sicuramente c’è, non devono far trasparire emozione.

Menti e artificieri - Sembra che non solo i professionisti dell’emergenza accettino l’autobomba con acquisito fatalismo. La società turca, dopo una corsa sfrenata alla trasformazione, si trova a dover vivere l’orizzonte dell’incertezza inzuppato di sangue, ossessionato dalla paura come se si trattasse dell’unica via percorribile. La vita accanto alla bomba sembra appartenere al popolo turco come la guerra quarantennale appartiene all’afghano. Anche l’acuto politologo non può dire con certezza quanto l’attentato di ieri sia l’arma scelta da Erdogan per rilanciare il suo percorso securitario, lo strumento dei nemici da lui indicati nel Pkk, quello della concorrenza islamica esterna (il Daesh) e magari interna (il movimento Hizmet represso anch’esso, ma non per questo sulla via dello scontro armato). Non ci sarebbe da stupirsi se anche quest’ultime accuse da parte governativa si materializzassero. Il gioco occulto (e sporco) è l’altra faccia del percorso del mistero solitamente praticato dalle Intelligence; che talune azioni possano essere orchestrate con fini pluriarticolati è la parte meno segreta dei Servizi.

Convivere con la morte - Ma non è tanto questo su cui ci soffermiamo, soprattutto in assenza di chiare prove, e perché certe prove possono rivelarsi disorientanti specchi utili solo ad abbagliare. Parliamo della normalizzazione dell’emergenza che porta acqua al fronte degli uomini forti: islamici vestiti da borghesi, in divisa o in tunica da imam. Non è l’immagine ma la sostanza di pensieri, parole e fatti a caratterizzare i loro piani. I progetti di scontro passano nelle pratiche dell’Islam politico che, con l’attuale presidente turco, ha illuso una nazione parlando di Turchia modernizzata ma la fa vivere nell’incubo dei tempi bui di golpe e guerra civile, etnica e politica, contro kurdi e opposizione. Nella restaurazione del generale musulmano al Sisi che, come ogni militare di Maghreb o Mashreq con cui l’Occidente ha stabilito per decenni i propri affari, è funzionale al neo colonialismo di ritorno e alle geostrategie future. Nella furia iconoclasta e sanguinaria dei miliziani di Al Baghdadi che uccidono per sé e Allah, fuori da ogni Corano, manovrati dal sedicente Califfo e dai sempre presenti agenti infiltrati. Così i guerrafondai d’Occidente, la loro economia delle armi, l’armata dell’economia globale possono continuare e scatenare nuove guerre di civiltà. Per il popolo, che deve imparare a vivere con la morte e regalarle anzitempo l’esistenza.
14 marzo 2016

articolo pubblicato su enricocampofreda.blogspot.it

Enrico Campofreda

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «I cento volti della Turchia»

Ultime notizie dell'autore «Enrico Campofreda»

6697