il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

La piovra

La piovra

(5 Marzo 2011) Enzo Apicella
Un'altra guerra per il petrolio?

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Il nuovo ordine mondiale è guerra)

IL CAPITALISMO È VORACE

È necessario organizzarsi e coordinarsi per rompere l'egemonia delle illusioni riformiste. Rafforzare le lotte e rispondere alla dittatura del capitale fino alla sua distruzione

(17 Marzo 2016)

Abbiamo finito l’anno parlando di guerra e ne abbiamo iniziato un altro con la guerra ancora al centro. La guerra domina la scena internazionale e si ripercuote sulle condizioni di tutte le popolazioni, in particolare di quelle direttamente interessate, costrette a fuggire e quindi causa principale degli spostamenti migratori.
Il capitalismo per superare le crisi di sovrapproduzione ha bisogno distruggere forze produttive infrastrutture e forza lavoro e la guerra è lo strumento della soluzione capitalista alle crisi economiche e finanziarie. Già con le guerre mondiali gli Stati Uniti, quando inter-venivano in ritardo in Europa cercando di prendersi anche il merito della vittoria, si arricchivano con la vendita delle armi prima e la ricostruzione dopo.
Modifica lo scenario mondiale ma gli Usa continuano ad esercitare il loro dominio, basato principalmente sulla supremazia militare per mantenere la propria influenza in ogni parte del mondo riattivando una nuova guerra fredda.
Una guerra economica, alla Russia e alla Cina, guerre militari in Ukraina, in Siria, e una nuova guerra in Libia per occupare, con il pretesto dell’Is, zone strategicamente ed economicamente importanti e, al tempo stesso, rafforzare la presenza della NATO. Principale strumento di controllo e di comando anche per l'Unione Europea, la NATO opera a favore della Turchia fornendo la copertura internazionale alle sue mire egemoniche nella regione di occupare parte del territorio siriano. La Turchia di Erdogan - mentre commercia petrolio di contrabbando che gli fornisce l'IS - alla quale arriveranno per ora 3 miliardi dalla UE per i profughi è utilizzata per il passaggio di armi che Qatar e Arabia Saudita acquistano in Croazia e in Israele per l'addestramento CIA dei "ribelli", come si legge in una inchiesta sul New York Times, combatte chiunque ostacoli i piani di dominio dell'imperialismo, reprime comunisti e oppositori, usa le provocazioni fasciste, massacra i combattenti kurdi del PKK.
Le alleanze dei paesi imperialisti si compongono e scompongono e le contraddizioni che ne scaturiscono tra loro derivano dallo scontro in atto per la supremazia, ma nella sporca guerra di Siria si consuma l'alleanza Usa, UE, Turchia, Israele, petromonarchie del Golfo. Ad altri Stati la gestione dell'intervento in Libia. La corsa delle potenze imperialiste per la conquista e il controllo dei mercati non ha limiti e porta i relativi governi a forme di politica interna sempre più autoritarie.
Dietro la situazione di crescente aggressività c'è l'aggravamento della crisi del capitalismo, una crisi che abbiamo definito sistemica, di sovrapproduzione, causa del rallentamento del-l'economia, le Borse che affossano, il prezzo del petrolio in caduta libera.
Ciò che forse non è ben chiaro è che il rischio di guerra coinvolge direttamente l'Italia.
I droni killer - l'autorizzazione ad armarli è arrivata alla ministra Pinotti a novembre - con funzione strategica di first strike (primo colpo) partono da Sigonella per la Libia come già nel 2011 e colpiscono non solo gli obiettivi militari ma anche civili. Droni dislocati in seguito ad un accordo tra Italia e Stati Uniti e utilizzati anche per interventi in Niger, Mali, Somalia.
Da tempo il governo italiano si è candidato per guidare la guerra in Libia in accordo con gli Usa e con Stati europei singoli Francia, Gran Bretagna, Germania, gli stessi che l’hanno demolita e che ora intervengono con il pretesto di colpire i terroristi e portare la “pace”.
L'intensificazione dei voli dall'hub di Pisa dimostra che l’operazione a guida italiana è già iniziata con il trasporto delle armi; paracadutisti e carabinieri sono già presenti, e si prevedono truppe di terra (dai mille ai tremila soldati), coinvolgendo l’Italia in una nuova guerra e non in missioni umanitarie o interventi di normalizzazione (come quella dei Balcani?). Sono bugie le motivazioni ufficiali di Pinotti e Gentiloni che la scelta di usare i droni la decidono volta per volta.
L'Italia, quindi, è in guerra per le sue scelte disastrose e la nostalgia del vecchio colonialismo - quando in Libia scatenò una repressione sanguinosa contro la popolazione civile e costruì campi di concentramento - e lo è by passando lo stesso Parlamento e calpestando, come già in passato, l'art. 11 della Costituzione a dimostrazione di quanto sia formale il suo richiamo. Non ci stupirebbe se anche la morte dei tecnici italiani rapiti venisse utilizzata come copertura della scelta dell'avventura bellica.
Il governo Renzi, vero e proprio comitato d'affari di capitalisti e banche, con la complicità dei mezzi di informazione snocciola dati contradditori e lancia campagne di pura propaganda mentre spende centinaia di milioni per i lavori delle basi aeree statunitensi di Foggia, Taranto, Ghedi, 13 miliardi per dotarsi degli F35, paga 70 milioni al giorno per appartenere alla Nato, aumenta la spesa corrente mentre taglia su servizi, in particolare sulla sanità pubblica, pensioni, scuola ecc. Per mandare contingenti a difesa della diga in Iraq i cui lavori sono stati assegnati ad una ditta italiana.
Ogni giorno ne inventa una nuova per cancellare ogni conquista dei lavoratori: Jobs act, riforme istituzionali, privatizzazioni selvagge. Con colpi di mano come la revisione infernale del meccanismo ISEE fa diventare tutti benestanti e costringe migliaia di studenti a lascia-re le città universitarie e rinunciare agli studi; i disoccupati - che aumentano a ritmo continuo - vengono cancellati dai nuovi conteggi ISTAT, anche loro diventano benestanti con la nuova ISEE e non riescono ad ottenere esenzioni neppure per importanti e indispensabili medicine.
Quello che non fanno lo annunciano, per mettere una prima ipoteca, e poi poter intervenire pesantemente come è accaduto per le pensioni di reversibilità. Il diritto acquisito dai versamenti che devono passare al coniuge diventa un'ulteriore penalizzazione per le donne rimaste vedove dopo una vita da casalinga, magari rinunciando al lavoro per dedicarsi alla cura della famiglia e dei vecchi sostituendosi alle carenze dello Stato.
Ultimo in ordine di tempo (almeno al momento in cui scriviamo) è l'esproprio della casa ai morosi con mutuo, ovviamente a favore delle banche!
Da parte loro i padroni a partire da Marchionne della Fca (ex Fiat) possono cambiare strategia: posticipare il lancio di nuovi modelli, cancellare l'obiettivo di produrre 7 milioni di au-to nel 2018 ecc. così lavoratori di Mirafiori, Grugliasco, Cassino, Pomigliano, Modena - illusi dalle promesse Renzi-Marchionne e dall'approvazione di Fiom Cgil - continueranno a rima-nere senza occupazione mentre diminuiscono gli ammortizzatori sociali con la nuova NA-SPI. E si sentono sicuri dall'introduzione dei nuovi contratti a "tutele crescenti" che cancellano l'art. 18 per poter lanciare una pesante repressione sui luoghi di lavoro per cancellare tutte le avanguardie sindacali e di lotta operaia che non si allineano.
Il capitalismo è vorace ma non ha soluzione, aumenterà la sua violenza contro la classe operaia e le masse popolari, può trascinarci in guerra per ottenere il massimo profitto se non riusciremo a sviluppare le capacità e l'organizzazione per affermare i nostri interessi di classe. Per questo è necessario organizzarsi e coordinarsi per rompere l'egemonia delle illusioni riformiste sulla possibilità di migliorare o trasformare il capitalismo e per rafforzare le lotte e rispondere alla dittatura del capitale fino alla sua distruzione.

nuova unità

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Il nuovo ordine mondiale è guerra»

Ultime notizie dell'autore «Nuova Unità»

8521