il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

Womanning

Womanning

(23 Agosto 2013) Enzo Apicella
Dopo la condanna di Bradley Manning a 35 anni di carcere, i media danno grande risalto alla sua decisione di cambiare sesso

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

APPUNTAMENTI
(Imperialismo e guerra)

  • 11 Dicembre 2019 - Milano
    Guerra permanente e rivolta sociale
    Ruolo e presenza militare dell’Italia
    Libano, Iraq, Iran, Kurdistan e….

SITI WEB
(Imperialismo e guerra)

Hollande abbraccia il presidente della tortura

(19 Aprile 2016)

hollande al sisi

Sorride e si compiace, stringe mani e accordi, incamera plausi e applaude il presidente Al Sisi. La Francia di Hollande gli porge quel miliardo e mezzo che Obama aveva congelato; solo qualche settimana fa la dinastia Saud gli aveva allungato l’anticipo dei dodici miliardi di petrodollari promessi, anche se il mercato del greggio vive gli stenti del periodo. Il vicepremier tedesco - e la Germania è la prima della lista negli scambi commerciali col Cairo - lo loda come “leader eccezionale”. Chi sta meglio di lui? Il generale si fa scherno dei procuratori italiani, della Farnesina, di palazzo Chigi. L’Italia pianga Regeni, nessuno l’ascolta neppure in Europa se tale è la solidarietà dei fratelli franco-tedeschi. Così come qualcuno ipotizza, il golpista vestito da statista può meditare vendette indirette. Favorendo, o comunque non ostacolando, l’apertura di rotte della disperazione dal suo Paese verso nord, in una rilanciata tratta mediterranea. I dannati del mare, oltre che dalle disastrate coste libiche, iniziano a partire pure da quelle egiziane. Il caso del naufragio di questi giorni, in cui centinaia di profughi sono colati a picco e superstiti eritrei, somali, sudanesi sono stati salvati da un cargo e condotti nell’isola di Kalamata è sintomatico d’una doppia realtà. Quella tutta interna alle sciagurate politiche europee del fronte del rifiuto, che con l’Austria giunge sino ai nostri confini settentrionali e blocca la rotta balcanica.

Ma visto che l’urlo di chi è tormentato non si ferma, perché non si fermano i conflitti e le politiche di soffocamento di popoli ridotti alla miseria, le carrette della disperazione riprendono il largo. In questo traffico che ha motivazioni, merce umana, mercato, bande, racket e connivenze dei governi s’innesta la macropolitica. Ai suoi tempi anche Gheddafi, minacciava o patteggiava queste partenze, differentemente da lui l’omertoso Sisi non dirà nulla. Se interrogato (ma da chi?) negherà qualsiasi coinvolgimento egiziano, sebbene la sua nazione sia militarizzata negli uomini posti al controllo e sempre più negli armamenti che l’alleato Hollande, fra battimani e vigorose strette, gli fornisce. Ciascuno fa il suo gioco. La Francia acquista altro mercato, sfilandolo probabilmente proprio all’Italia sul fronte delle infrastrutture (gli accordi prevedono la costruzione d’una terza rete metropolitana al Cairo). Ma al di là della concorrenza, più o meno leale, in un mercato globale che non conosce questa virtù, la questione dei diritti civili che imbelletta certi discorsi dei politici d’Oltralpe cade totalmente nel dimenticatoio. Così il colpo ferale a una presunta fermezza contro quel terrorismo di Stato che ha in Al Sisi un campione del crimine, lo regala la nazione della libertà e della fratellanza. Non solo non esiste la presunta Unione Europea, come i poveri profughi colano picco gli stessi princìpi della democrazia borghese.
19 aprile 2016

articolo pubblicato su http://enricocampofreda.blogspot.it

Enrico Campofreda

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Paese arabo»

Ultime notizie dell'autore «Enrico Campofreda»

5312