il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

World news

World news

(30 Dicembre 2011) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Il nuovo ordine mondiale è guerra)

STRAGE DI DHAKA. LA LOTTA DEL TERRORE TRA ISIS E AL QAIDA

(6 Luglio 2016)

dhaka terrorists

Se l’obiettivo era attirare l’attenzione mondiale, il risultato ottenuto dagli attentatori in Bangladesh è pienamente riuscito. In effetti colpire indiscriminatamente persone innocenti nella loro quotidianità sembra diventato uno dei comuni denominatori che unisce l’attuale strategia del terrore islamico in genere, dallo Stato Islamico (ISIS o Daesh) ad Al Qaida. In qualsiasi paese o nazionedel mondo. Gli stessi obiettivi da colpire possono essere occidentali, come purtroppo è avvenuto in questi giorni per i nostri connazionali a Dhakka, o, nella maggior parte dei casi, musulmani: con i recenti attentati in Turchia, Iraq, Libano, Afghanistan e Camerun. La scia di sangue lasciata dai differenti gruppi jihadisti, assoldati e finanziati in questi anni da paesi come la Turchia o l’Arabia Saudita per i loro scopi di dominio politico nell’area, alle volte si ripercuote contro i loro stessi finanziatori e mecenati come ad Istanbul.

Appare chiaro che gli errori rimangono sempre gli stessi. Dalla formazione nei primi anni ‘90 dei primi mujahiddin in Afghanistan, indottrinati dal wahabbismo dell’Arabia Saudita e sostenuti economicamente e militarmente dagli Stati Uniti, fino ai foreign fighters di Daesh in Siria, poche cose sono cambiate. Gli errori sono sempre gli stessi: ingerenze da parte di potenze straniere regionali (Arabia saudita, Qatar, Turchia) e occidentali (USA, Francia e Inghilterra), guerre studiate a tavolino che hanno causato ulteriori nuove destabilizzazioni (Iraq, Libia), finanziamenti e fornitura di armi a gruppi ribelli quasi sempre appartenenti alla galassia jihadista. Come riportato da uno dei massimi conoscitori dei movimenti radicali, il francese Gilles Kepel, l’”Islam radicale, con una cadenza decennale, continua ad avere momenti di ascesa e di declino, si trasforma senza però scomparire a causa degli errori sia dell’occidente che dei regimi che li foraggiano”.

Come ulteriore elemento di riflessione resta l’attualità di questi giorni e la crudeltà dei diversi attentati, sia in Europa che nel vicino ed estremo oriente, che mette in evidenza la lotta per il predominio nella galassia jihadista tra Al Qaida e lo Stato Islamico. Entrambe gli schieramenti radicali sono in una fase di lotta per l’egemonia sui militanti radicali e cercano, purtroppo, di alzare il livello di terrore sia nei paesi musulmani che in quelli europei o americani: la competizione è legata a chi provoca attentati più atroci e brutali per avere una maggiore propaganda mediatica nel mondo. Se da due anni a questa parte si poteva dire che per diversi motivi lo Stato Islamico era in nettaascesa, in questi ultimi mesi le cose sono cambiate. L’ISIS, infatti, ha perso negli ultimi sei mesi oltre il 40% del territorio del suo “califfato”tra il territorio siriano e quello iracheno, con il ritiro dei suoi combattenti da città come Palmira, Fallujah e Ramadi e con le sue principali capitali, Raqqa e Mosul, in procinto di essere assediate. Viene di conseguenza a mancare ed a disgregarsi quello che è stato uno dei punti di forza dell’ISIS. Nell’ideologia islamista radicale Daesh ha, infatti, incarnato quell’ideale che lo ha reso attraente a tutti i foreign fighters che hanno cercato di raggiungere il suo territorio: uno stato islamico sovrannazionale che supera i vecchi confini imposti dalle potenze coloniali e che accoglie tutta la Umma (Comunità-ndr) che crede nel wahabbismo.

Altri due aspetti hanno, inoltre, indebolito il gruppo radicale fondato da Abu Bakr Al Bagdadi. Il primo è legato allo scontro non solo ideologico ma anche militare con il suo principale antagonista sul campo siriano: il Fronte Al Nusra (Al Qaida). Dopo un primo periodo di alleanza si è passati, invece, al combattimento diretto tra le due organizzazioni, visto che Al Qaida ha mostrato di volersi espandere e contrapporre allo Stato Islamico anche in territorio siriano. Dalla tregua di febbraio, come riportato dal New York Times, l’organizzazione terroristica legata ad Al Zawahiri sta spostando alcuni suoi quadri e centinaia di miliziani per prendere possesso della regione di Aleppo in maniera da creare una capitale contrapposta a Raqqa.
Il secondo aspetto di debolezza è legato alla notevole diminuzionedella sua ricchezza ottenuta grazieal contrabbando di petrolio, notevolmente calato a causa dei bombardamenti dei caccia russi, o alla diminuzione di finanziamenti da parte dei suoi sponsor dei paesi del golfo. Questa minore disponibilità economica compromette tutta l’attività di propaganda e di proselitismo nei confronti delle organizzazioni jihadiste del continente portata avanti dalla sua nascita.

Grazie alla propria potenza economica, infatti, in pochi anni lo Stato Islamico è riuscito a spodestare Al Qaida ed ad affiliare diversi gruppi radicali dal maghreb al sud est asiatico (Algeria, Egitto, Mali, Nigeria, Libia, Indonesia, Filippine, Bangladesh) assumendo una connotazione più “globale”. Secondo alcuni analisti lo Stato Islamico ha “progressivamente intrapreso una sorta di percorso di internazionalizzazione per la propria causa con una progressiva “pianificazione centralizzata”da un punto di vista logistico e militare” delle azioni terroristiche. Proprio in questo periodo di sconfitte in Siria, in Iraq ed in Libia, con la defezione e la fuga di numerosi miliziani dalle sue fila, lo Stato Islamico tenta di mostrare al mondo che è ancora in grado di colpire ovunque ed è ancora in grado di pianificare azioni militari nei territori del califfato. Di sicuro l’ISIS è nella sua fase calante proprio perché il progetto iniziale di Al Bagdadi era legato ad una sua continua “espansione e crescita”. In questo momento, invece, sembra aver perso molto del suo “appeal” anche se questo suo processo di decadimento potrebbe durare diversi anni. Con la sua scomparsa, però, non sembra automatico che a beneficiarne siano i paesi occidentali o le potenze della regione.

Il suo smembramento pone diversi problemi alle coalizioni ed ai servizi segreti occidentali ed orientali soprattutto per quanto riguarda il rientro di tutti i foreign fighters nei loro paesi d’origine e la possibilità di ulteriori nuovi attentati. Altro aspetto, altrettanto paradossale, come ha giustamente scritto in questi giorni il giornalista del Guardian Jason Burke, attento osservatore e conoscitore dell’islam radicale, “il vero vincitore di questa lotta potrebbe non essere l’occidente, ma un gruppo che ha una strategia cauta, che è ben radicato e non è troppo estremista: Al Qaida”!


Le recenti sconfitte, infatti, indeboliscono notevolmente il network di propaganda dello Stato Islamico perché uno dei suoi punti di forza si sta velocemente disgregando.Nell’ideologia radicale islamica quello che ha reso da subito allettante
è sempre stato quello di aver creato uno stato islamico sovrannazionale che supera i vecchi confini imposti dalle potenze coloniali e che accoglie tutta la Umma (Comunità-ndr) che crede nel wahabbismo. Uno stato islamico che applica integralmente la sharia, la lotta o jihad contro i miscredenti che siano laici, sciiti, yazidi o cristiani.

Stefano Mauro

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Il nuovo ordine mondiale è guerra»

Ultime notizie dell'autore «Stefano Mauro»

6583