il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

Gli USA lasciano Falluja

Gli USA lasciano Falluja

(16 Dicembre 2011) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

  • Sviluppi e compiti
    (17 Ottobre 2019)
  • costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

    SITI WEB
    (Iraq occupato)

    VITERBO: UN INCONTRO DI RIFLESSIONE A PARTIRE DAL RAPPORTO CHILCOT

    (6 Luglio 2016)


    Si è svolto mercoledì 6 luglio 2016 a Viterbo presso il "Centro di ricerca per la pace e i diritti umani" un incontro di riflessione sul rapporto presentato oggi da sir John Chilcot che denuncia l'illegalità e criminalità della seconda guerra del Golfo.
    L'incontro si è aperto con un minuto di silenzio per le vittime di quella guerra, di tutte le guerre, di tutte le stragi.
    Successivamente è stata data lettura di alcuni estratti del rapporto come riportati dalle più qualificate agenzie di stampa internazionali.
    E' poi intervenuto il responsabile della struttura nonviolenta viterbese, Peppe Sini, del cui ragionamento riportiamo di seguito una sinossi.

    sir john chilcot

    Sir John Chilcot

    Il rapporto della commissione d'inchiesta inglese sulla seconda guerra del Golfo conferma quello che tutti già sapevamo: quella guerra terrorista e stragista, come sono terroriste e stragiste tutte le guerre, è stata un crimine contro l'umanità che ha anche originato un'ulteriore serie di stragi e di orrori che tuttora continuano.
    *
    Due conseguenze occorre trarne.
    La prima è che i decisori responsabili di quella guerra, come di tutte le guerre, devono essere perseguiti secondo la vigente legge penale per il crimine commesso, devono essere processati per le innumerevoli persone fatte morire, devono essere condannati in modo esemplare: affinché tutti i governanti del mondo sappiano che nessuno può impunemente far uccidere degli esseri umani, e che dei crimini commessi, delle uccisioni fatte commettere, delle morti provocate, anche le persone più potenti della Terra saranno chiamate a rispondere in una corte di giustizia e non potranno evitare la pena prevista.
    La seconda e decisiva: che occorre abolire gli eserciti e le armi.
    *
    Due riflessioni è inoltre necessario aggiungere.
    La prima: che la seconda guerra del Golfo (e l'occupazione militare dell'Iraq seguita ad essa) è la causa principale (o una delle principali) della nascita dell'Isis, e quindi delle stragi dall'Isis successivamente commesse. Così come la scelta statunitense di creare e sostenere l'organizzazione di Bin Laden in Afghanistan per combattere il governo afgano sostenuto dall'Armata Rossa è stata la causa principale (o una delle principali) della nascita di Al-Quaeda, e quindi delle stragi da Al-Quaeda successivamente commesse, tra cui quella di New York dell'11 settembre 2001.
    La seconda: quando verrà una commissione d'inchiesta anche in Italia che denunci la flagrante illegalità ad esempio della guerra dei Balcani del 1999, o di quella libica del 2011? Quando verranno messi sotto processo i governanti italiani che in violazione della Costituzione della Repubblica Italiana hanno coinvolto l'Italia nelle guerre terroriste e stragiste dall'Iraq all'Afghanistan, dalla Jugoslavia alla Libia?
    E quando verranno processati i vertici della Nato per i crimini di guerra e contro l'umanità commessi? E quando si scioglierà la Nato, che è palesemente sempre più divenuta un'organizzazione terrorista e stragista?
    E quando si deciderà di cessare di produrre e mettere a disposizione degli assassini le armi di cui si servono per aggredire, terrorizzare ed uccidere innumerevoli esseri umani innocenti? Cosa si aspetta a capire che le armi sono nemiche dell'umanità, che è indispensabile ed urgente il disarmo a tutti i livelli?
    *
    Giova ripetere ancora una volta alcuni semplici ed ineludibili ragionamenti che da anni ogni persona di volontà buona condivide, ma che sciaguratamente ancora non trovano ascolto nei palazzi in cui un ceto politico e burocratico di insipienti ed irresponsabili (e sovente di corrotti, e talora di criminali tout court) prende a danno di tutti decisioni scellerate.
    Ogni vittima ha il volto di Abele.
    Ogni uccisione è un crimine.
    Non si può contrastare una strage commettendo un'altra strage.
    Non si può contrastare il terrorismo con atti di terrorismo.
    A tutti i terrorismi occorre opporsi.
    Salvare le vite è il primo dovere.
    La guerra è il terrorismo portato all'estremo.
    Ogni guerra consiste di innumerevoli uccisioni.
    La guerra è un crimine contro l'umanità.
    Con la guerra gli stati divengono organizzazioni terroriste.
    Con la guerra gli stati fanno nascere e crescere le organizzazioni terroriste.
    A tutte le guerre occorre opporsi.
    Salvare le vite è il primo dovere.
    Ogni essere umano ha diritto alla vita, alla dignità, alla solidarietà.
    Un'organizzazione criminale va contrastata con un'azione di polizia da parte di ordinamenti giuridici legittimi.
    La guerra impedisce l'azione di polizia necessaria.
    Occorre dunque avviare un immediato processo di pace nel Vicino e nel Medio Oriente che consenta la realizzazione di ordinamenti giuridici legittimi, costituzionali, democratici, rispettosi dei diritti umani.
    Occorre dunque che l'Europa dismetta ogni politica di guerra, di imperialismo, di colonialismo, di rapina, di razzismo, di negazione della dignità umana di innumerevoli persone e di interi popoli.
    Occorre dunque una politica europea di soccorso umanitario, di pace con mezzi di pace: la politica della nonviolenza che sola riconosce e promuove e difende i diritti umani di tutti gli esseri umani.
    Salvare le vite è il primo dovere.
    La violenza assassina si contrasta salvando le vite.
    La pace si costruisce abolendo la guerra.
    La politica della nonviolenza richiede il disarmo e la smilitarizzazione.
    La politica nonviolenta richiede la difesa civile non armata e nonviolenta, i corpi civili di pace, l'azione umanitaria, la cooperazione internazionale.
    Salvare le vite è il primo dovere.
    Si coalizzino tutti gli stati democratici contro il terrorismo proprio ed altrui, contro il terrorismo delle organizzazioni criminali e degli stati.
    Si coalizzino tutti gli stati democratici per la pace, il disarmo, la smilitarizzazione dei conflitti.
    Si coalizzino tutti gli stati democratici per l'indispensabile aiuto umanitario a tutte le persone ed i popoli che ne hanno urgente bisogno.
    Si coalizzino tutti gli stati democratici per contrastare le organizzazioni criminali con azioni di polizia adeguate, mirate a salvare le vite e alla sicurezza comune.
    Si coalizzino tutti gli stati democratici per la civile convivenza di tutti i popoli e di tutti gli esseri umani.
    Salvare le vite è il primo dovere.
    Cominci l'Italia.
    Cominci l'Italia soccorrendo, accogliendo e assistendo tutte le persone in fuga dalla fame e dall'orrore, dalle dittature e dalla guerra.
    Cominci l'Italia cessando di partecipare alle guerre.
    Cominci l'Italia uscendo da alleanze militari terroriste e stragiste come la Nato.
    Cominci l'Italia cessando di produrre armi e di rifornirne regimi e poteri dittatoriali e belligeranti.
    Cominci l'Italia abrogando tutte le infami misure razziste ancora vigenti nel nostro paese.
    Cominci l'Italia con un'azione diplomatica, politica ed economica, e con aiuti umanitari adeguati a promuovere la costruzione di ordinamenti giuridici legittimi, costituzionali e democratici dalla Libia alla Siria.
    Cominci l'Italia destinando a interventi di pace con mezzi di pace, ad azioni umanitarie nonviolente, i milioni di euro del bilancio dello stato che attualmente ogni giorno sciaguratamente, scelleratamente destina all'apparato militare, alle armi, alla guerra.
    Cominci l'Italia a promuovere una politica della sicurezza comune e del bene comune centrata sulla difesa popolare nonviolenta, sui corpi civili di pace, sulla legalità che salva le vite.
    Salvare le vite è il primo dovere.
    Ogni vittima ha il voto di Abele.
    Alla barbarie occorre opporre la civiltà.
    Alla violenza occorre opporre il diritto.
    Alla distruzione occorre opporre la convivenza.
    Al male occorre opporre il bene.
    Contro tutti i terrorismi, contro tutte le guerre.
    Salvare le vite è il primo dovere.
    *
    Al termine dell'incontro le persone partecipanti, come di consueto, hanno ancora una volta espresso un appello al Parlamento affinché legiferi due provvedimenti indispensabili per far cessare le stragi nel Mediterraneo e la schiavitù in Italia: una legge che riconosca a tutti gli esseri umani il diritto di giungere nel nostro paese in modo legale e sicuro; una legge che riconosca il diritto di voto a tutte le persone che vivono nel nostro paese.
    *
    Concludendo l'incontro il responsabile del "Centro di ricerca per la pace e i diritti umani" ha riproposto ancora una volta alcuni ragionamenti su cui la struttura nonviolenta viterbese è da decenni impegnata.
    Occorre soccorrere, accogliere, assistere tutti gli esseri umani in fuga dalla fame e dalle guerre.
    Occorre riconoscere a tutti gli esseri umani il diritto di giungere in modo legale e sicuro nel nostro paese.
    Occorre andare a soccorrere e prelevare con mezzi di trasporto pubblici e gratuiti tutti i migranti lungo gli itinerari della fuga, sottraendoli agli artigli dei trafficanti.
    Occorre un immediato ponte aereo di soccorso internazionale che prelevi i profughi direttamente nei loro paesi d'origine e nei campi collocati nei paesi limitrofi e li porti in salvo qui in Europa.
    Occorre cessare di fare, fomentare, favoreggiare, finanziare le guerre che sempre e solo consistono nell'uccisione di esseri umani.
    Occorre proibire la produzione e il commercio delle armi.
    Occorre promuovere la pace con mezzi di pace.
    Occorre cessare di rapinare interi popoli, interi continenti.
    In Italia occorre abolire i campi di concentramento, le deportazioni, e le altre misure e pratiche razziste e schiaviste, criminali e criminogene, che flagrantemente confliggono con la Costituzione, con lo stato di diritto, con la democrazia, con la civiltà.
    In Italia occorre riconoscere immediatamente il diritto di voto nelle elezioni amministrative a tutte le persone residenti.
    In Italia occorre contrastare i poteri criminali, razzisti, schiavisti e assassini.
    L'Italia realizzi una politica della pace e dei diritti umani, del disarmo e della smilitarizzazione, della legalità che salva le vite, della democrazia che salva le vite, della civiltà che salva le vite.
    L'Italia avvii una politica nonviolenta: contro la guerra e tutte le uccisioni, contro il razzismo e tutte le persecuzioni, contro il maschilismo e tutte le oppressioni. Solo la nonviolenza può salvare l'umanità e la biosfera.
    Ogni essere umano ha diritto alla vita, alla dignità, alla solidarietà.
    Vi è una sola umanità in un unico mondo vivente casa comune dell'umanità intera.
    Salvare le vite è il primo dovere.
    Ogni vittima ha il volto di Abele.
    Opporsi alla guerra e a tutte le uccisioni.
    Opporsi al razzismo e a tutte le persecuzioni.
    Opporsi al maschilismo e a tutte le oppressioni.
    Oppresse e oppressi di tutti i paesi, unitevi nella lotta in difesa della vita, della dignità e dei diritti di tutti gli esseri umani; in difesa del mondo vivente; in difesa del bene comune dell'umanità.
    Solo la nonviolenza si oppone alla violenza in modo adeguato, concreto e coerente.
    Solo compiendo il bene si può contrastare il male.
    Solo salvando le vite si pone fine alle stragi.
    Pace, disarmo, smilitarizzazione.
    Alla disumanità opporre la civiltà.
    Alla barbarie opporre la convivenza.
    La nonviolenza è in cammino.

    Viterbo, 6 luglio 2016

    Il "Centro di ricerca per la pace e i diritti umani"

    Fonte

    Condividi questo articolo su Facebook

    Condividi

     

    Ultime notizie del dossier «Iraq occupato»

    Ultime notizie dell'autore «"Centro di ricerca per la pace e i diritti umani" di Viterbo»

    5550