IL PANE E LE ROSE - classe capitale e partito
La pagina originale è all'indirizzo: http://www.pane-rose.it/index.php?c3:o48844

 

L'OMICIDIO DI EMMANUEL E I SEMINATORI DELL'ODIO E DEL RAZZISMO

(7 Luglio 2016)

emmanuel

E' avvenuto a Fermo nelle Marche ma poteva succedere in ogni altro luogo, un rifugiato scampato agli assassini di Boko Haram, dove aveva perso una figlia e i genitori, Emmanuel Chidi Namdi, è morto dopo giorni di agonia a seguito di una feroce aggressione. Il rifugiato aveva protestato contro due razzisti che avevano dato della scimmia alla moglie, in Italia sono ancora in molti, troppi e sempre più numerosi, a usare verso i migranti quel repertorio fascista e xenofobo di 100 anni fa. Gira in rete la foto di uno degli aggressori in un corteo a reggere lo striscione della Lega Nord, un aggressore noto soprattutto come ultras di destra.

Per ore abbiamo assistito a un depistaggio politico, a parlare di una rissa tra ultrà del calcio e due (marito e moglie) nigeriani. Il crimine è figlio dell’odio razziale, dei predicatori xenofobi che affollano l’Italia e approfittando della disperazione sociale guadagnano consensi individuando nei migranti la causa della miseria crescente causata invece dalle politiche di austerità.

Non basta il cordoglio e la condanna formale, questo omidicio razzista (con le sconcertanti frasi di giubilo lette sui social network) induce a una seria riflessione sul nostro paese e su cosa siamo diventati.

La moglie di Emmanuel ha deciso di donare gli organi, l'aggressore, o gli aggressori, sono ancora a piede libero....

A chi, sul territorio, per concedere una palestra ai senegalesi in preghiera chiede la condanna del terrorismo, chiediamo di prendere posizione contro tutti quei commenti razzisti e xenofobi che circolano in rete e provengono da aree politiche ben definite, Urge riflettere sulle azioniscelte politiche che rappresentano l'humus da cui nascono le aggressioni a sfondo razzista.

Per questo concludiamo con una frase di Brecht

“Ora occorre vedere e non guardare in aria. Occorre agire e non parlare. Questo mostro una volta stava per dominare il mondo. I popoli lo fermarono ma il grembo da cui nacque è ancora fecondo.” (Bertolt Brecht)

delegati e lavoratori indipendenti pisa

3258