il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Marchio Marchionne

Marchio Marchionne

(26 Ottobre 2010) Enzo Apicella
Esternazione di Marchionne contro la scarsa produttività degli operai italiani

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Senza casa mai più!)

FERMATO LO SGOMBERO DELLE FAMIGLIE IN VIA DEI FASSINI

IL COMUNE DI ROMA MANTIENE LE PROMESSE E AVVIA L’ITER PER L’ACQUISIZIONE DELLE PALAZZINE

(24 Agosto 2016)

cubasani

24 agosto 2016 - Tornano oggi in Campidoglio le 24 famiglie di via Fassini che lo scorso 19 agosto hanno rischiato lo sgombero dai loro alloggi. Ricevuti dall’assessore al bilancio e Patrimonio Marcello Minenna insieme all’assessora alle politiche sociali Laura Baldasarre che non hanno mancato all’impegno preso, stanno vagliando la situazione delle famiglie. Sul tavolo la proposta, avanzata da Cub, Unione Inquilini e Sgb, di acquisizione degli stabili del Comune di Roma. Spiega Rudy Colongo Cub di Roma: “Come richiesto nel precedente incontro abbiamo consegnato i documenti inerenti gli ultimi 5 pagamenti delle pigioni e quelli sulle fragilità economiche e sociali di ogni nucleo.”

Dopo giorni di angoscia l’assurda vicenda sembra trovare una soluzione grazie all’impegno degli assessori che convocati dalla Sindaca per l’emergenza terremoto hanno mostrato molto interesse per il caso delle famiglie. Donne, uomini, bambini, ma anche anziani e disabili che in questi palazzi vivono da oltre 50 anni rischiavano di essere buttate fuori dalle loro case, nonostante abbiano sempre regolarmente pagato l’affitto. Il proprietario infatti è inquisito e gli appartamenti confiscati pertanto tutti i contratti stipulati dichiarati decaduti. Le famiglie avevano ricevuto la notizia dell’imminente sgombero lo scorso 19 luglio. Barbara Battista dell’ Sgb dichiara: “La trattativa intrapresa sta dando ottimi risultati. Il nostro compito però non è terminato e la vigilanza sul caso deve rimanere alta.”

Prossimo incontro fissato per il 15 di settembre, questa volta verrà convocata anche l’agenzia nazionale per l’amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità per procedere con l’acquisizione. Al tavolo ci sarà, come oggi, Guido Lanciano Segretario dell’Unione Inquilini pronto a definire la parte tecnico legale del passaggio. Mario Carucci della Cub di Roma dichiara: “Una scelta responsabile quella del Comune di Roma di acquisire le palazzine. Siamo soddisfatti dell’impegno di questa amministrazione che non ha abbandonato i suoi cittadini nonostante l’estate. Siamo sicuri che i beni sequestrati alla criminalità, se restituiti alla cittadinanza, costituiscano il segno tangibile del riscatto dei diritti collettivi e dell’incisività dell’azione politica.”

CUB Roma e provincia

4670