il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Il grande evasore

Il grande evasore

(21 Dicembre 2011) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Flessibili, precari, esternalizzati)

GLS DI CASTEL DI LEVA E DI RIANO: SCIOPERI DI SOLIDARIETA' CON IL COMPAGNO DI LAVORO UCCISO ALLA GLS DI PIACENZA

(16 Settembre 2016)

abd elsalam

Stamattina 16 settembre, il lavoratori del nostro cobas di drivers (autisti) del magazzino della GLS di Roma, filiale di castel di Leva, hanno effettuato uno sciopero di due ore - inizio turno - in solidarietà con il lavoratore travolto da un camion della GLS che tentava di forzare il picchetto durante uno sciopero indetto dalla USB al magazzino di Piacenza della GLS. Per lo stesso motivo i lavoratori del SI COBAS dell'HUB GLS di Roma - Riano hanno scioperato insieme ai lavoratori della USB nello sciopero spontaneo partito nelle prime ore della mattinata di ieri non appena è giunta la notizia in magazzino. Quanto accaduto alla GLS di Piacenza è' di una gravità inaudita ma purtroppo era nell'aria da tempo: in decine e decine di picchetti in questi anni si è' sfiorata la tragedia, con padroni e cooperative in odore di mafia che aizzano i camionisti contro gli scioperanti. In decine di casi nostri lavoratori sono stati investiti, e quando non riescono ad arruolare i camionisti (che in molte occasioni, non va dimenticato, appoggiano la lotta dei facchini) usano crumiri e (anche iscritti alla CGIL) per aggredire i picchetti, come è accaduto alla SDA di Roma un anno fa. In queste settimane siamo alle prese con dure trattative con alcuni importanti committenti, in primis SDA, BRT, TNT e la stessa GLS, i quali ovviamente tentano di riprendersi ciò' che abbiamo conquistato in anni di lotte, non aspettando altro che i lavoratori abbassino la guardia. A maggior ragione ciò che è accaduto a Piacenza non può quindi essere lasciato impunito. Già nella giornata di ieri è arrivata una prima risposta unitaria in molte città, con cortei e presidi unitari. Il modo migliore per onorare la morte del compagno Abd Elsalam è quello di lottare e quindi fare in modo che il compagno non sia morto invano.
16 settembre 2016

SI COBAS - Coordinamento Provinciale di Roma

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Notizie sullo stesso argomento

Ultime notizie del dossier «Flessibili, precari, esternalizzati»

Ultime notizie dell'autore «S.I. Cobas - Sindacato Intercategoriale Lavoratori Autorganizzati»

5199