il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Freddo

Freddo

(19 Dicembre 2010) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Senza casa mai più!)

Roma ancora senza assessore alla casa: i 5stelle anziché combattere i "poteri forti", danneggiano solo i diritti dei deboli

(19 Ottobre 2016)

unioneinquilini

A distanza di quattro mesi, il Sindaco Raggi non ha ancora designato l’assessore in tema di politiche abitative, avocando a sé questa fondamentale delega di governo.
Se l’assessore alla casa è il Sindaco, spetta quindi a lei adottare atti urgenti di cui la città ha bisogno, dal “superamento” del sistema dei residence, al contrasto della morosità incolpevole e degli sfratti per finita locazione, all’implementazione dell’edilizia popolare.

Abbiamo fatto l’impossibile per cercare un dialogo costruttivo, ma il nostro sforzo di apertura è stato “rispedito al mittente”.
Come sindacato, da mesi tentiamo inutilmente di segnalare alla Raggi l’urgenza del problema casa, ma questo confronto ci viene sistematicamente negato.

E’ notizia di ieri che una “proposta di mozione” presentata nel Municipio XI e con la quale chiedevamo appunto al Campidoglio di attribuire la delega alla casa, è stata bocciata dalla maggioranza del Mov5stelle con la scusa che “il sindaco se ne sta già occupando”.
Peccato che, in quattro mesi (!) il sindaco non abbia emanato un solo atto formale, proposta di indirizzo, ordinanza etc. e i gravi problemi della casa restano aperti come ferite sul corpo della città.
Migliaia di cittadini subiscono gli effetti disastrosi di questa infame inerzia e come sindacato è un nostro dovere difenderli!

A differenza del passato, i loro diritti non sono più soltanto offesi e insoddisfatti, ma restano addirittura inascoltati. Come dire: “il medico non opera male: non opera affatto”!
La mancata nomina dell’assessore, configura di fatto una violazione di legge e certamente un danno per la corretta gestione di servizi che il comune sarebbe tenuto ad assicurare.
Il sindaco ha costruito la propria fortuna politica sulla “lotta ai poteri forti”, ma si sta dimostrando capace solo di colpire i diritti dei più deboli.

Non siamo disposti ad assistere passivamente a questo scempio e invitiamo perciò tutti, cittadini, associazioni, partiti, a sostenere la nostra richiesta al sindaco di conferire immediatamente la delega alla casa e di convocare le parti sociali per un confronto serio e leale sui problemi abitativi della città, invitando i consiglieri municipali e comunali a presentare la nostra bozza di mozione (come ha già annunciato di voler fare Stefano Fassina a nome di Sinistra Per Roma).

La Segreteria dell’Unione Inquilini di Roma

3903