il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Gutta cavat lapidem?

Gutta cavat lapidem?

(19 Dicembre 2011) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Capitale e lavoro)

Rinnovo ccnl non in mio nome: respingiamo l’accordo del 30 novembre

(19 Gennaio 2017)

pubblico impiego in movimento

I/le sottoscritti/e lavoratori/trici del Pubblico Impiego, respingono l’accordo siglato lo scorso 30 novembre da Cgil, Cisl e Uil a cui si è accodato il Confsal:

- L’aumento di 85 euro lordi a regime (ossia nel 2018, dopo 10 anni dall’ultimo contratto) è assolutamente insufficiente a recuperare il potere d’acquisto perso;
Il bonus fiscale di 80 euro può essere a rischio per circa 200 mila lavoratori, quelli con le fasce di reddito più deboli, le vaghe promesse presenti nell’accordo non sono sufficienti;
- Dicono di voler superare la Brunetta, ma accettare di voler contrattare penalizzazioni sulla malattia e sulle assenze di varia natura e su come legare il salario alla produttività significa ispirarsi agli stessi principi;
- Legare parte di salario alla produttività significa spostare sulla contrattazione decentrata la battaglia per una parte degli aumenti, così si dividono i lavoratori e li si rende più deboli;
- Chiedere di inserire misure di previdenza pensionistica e sanitaria integrativa significa accettare e contribuire allo smantellamento dei servizi pubblici;
- L’accordo siglato solo dai confederali a cui si è accodato il Confsal dimostra chiaramente che c’è un serio problema di democrazia sindacale a cui non si può dar risposta con accordi o leggi che inseguono una effimera rappresentatività;

Respingono qualunque accordo sul CCNL Pubblico Impiego siglato senza mandato vincolante dei lavoratori.
Ritengono indispensabile conquistare un contratto giusto e dignitoso che contenga i suddetti punti:

- Contratto dignitoso con recupero della perdita del potere di acquisto;
- Aumento in paga base per tutti e finanziamento del salario accessorio;
- Sblocco delle assunzioni ed eliminazione del lavoro precario tramite assunzione dei lavoratori in graduatoria;
- Reinternalizzazione dei servizi e nel frattempo inserimento di clausole di salvaguardia ben precise per i lavoratori esterni alla pubblica amministrazione che svolgono lavoro per essa;
- No all’estensione al pubblico impiego dell’accordo del 10 gennaio 2014, ed estensione dei diritti sindacali;
- No ai peggioramenti normativi nel contratto del pubblico impiego.

Sottoscrivi la petizione online:

http://www.activism.com/it_IT/petizione/rinnovo-ccnl-non-in-mio-nome-respingiamo-l-accordo-del-30-novembre-2016/196187

Scarica il volantino in formato Pdf fallo girare fra i colleghi, e inviacelo a piinmovimento@gmail.com

Rinnovo ccnl non in mio nome: respingiamo l’accordo del 30 novembre

Pubblico Impiego in Movimento

3416