il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

La guerra è una malattia

La guerra è una malattia

(6 Marzo 2011) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Imperialismo e guerra)

Turchia, le acrobazie erdoganiane fra Putin e Trump

(26 Gennaio 2017)

erdotrump

In attesa della conferma referendaria di aprile, che può renderlo padrone assoluto delle Istituzioni turche, il presidente Erdogan tiene viva l’attività diplomatica con l’occhio sempre rivolto alla geopolitica. In questi giorni è volato in Africa (Tanzania, Mozambico, Madagascar) per scucire più che per tessere tele relazionali. L’intento è rivolto contro l’odiato network dei cosiddetti fethullaçi, che in diversi Paesi africani, anche in base al credo islamico e al conseguente impegno sociale e umanitario, hanno creato da tempo scuole e servizi. Erdogan lo sa perché da premier, e alleato dell’imam alloggiato in Pennsylvania, aveva sostenuto le iniziative che gli producevano popolarità interna e internazionale. Ora cerca di svilire questi accordi, accusando l’organismo Hizmet d’essere uno dei volti dell’organizzazione terrorista responsabile del tentato golpe in patria nell’estate scorsa. Screditare Gülen, tagliarne i gangli vitali dei ritorni economici miliardari prodotti da quell’attività è diventata una missione che il leader turco insegue da tre anni e che, dopo il putsch fallito, s’è trasformata in ossessione. Una parte del business fethullaçi è presente proprio negli Stati Uniti, si parla di più di 250 scuole, utilizzate dalla comunità islamica. Il presidente turco aveva lanciato la doppia richiesta di estradare il capo e chiudere quegli istituti, come aveva fatto sul territorio anatolico. Obama non l’ha ascoltato.

Attualmente pensa di riprovarci con l’amministrazione Trump con cui potrebbe giocare la partita geopolitica del ‘dare per avere’. Però l’intento può risultare debole su più fronti. Le tendenze, per ora isolazioniste, manifestate dal neo presidente Usa non dovrebbero produrre alcuna gelosia sul piano strategico internazionale, il presidente tycoon potrebbe disinteressarsi alle effusioni in corso fra Ankara e Mosca. Già l’Obama-due aveva tenuto un basso profilo sullo scacchiere mediorientale, sommando ambiguità a una contraddittoria non presa di posizione, anche di fronte ai pericoli palesi espressi dallo Stato Islamico, Trump può seguirne la tendenza alla faccia del “First America” e dell’immagine decisionista. Da mesi si discute dell’occupazione putiniana dello spazio diplomatico lasciato vacante dagli Stati Uniti su scenari di guerra (Siria, Iraq) e d’irrisolte tensioni (questione israelo-palestinese), eppure l’avvicinamento tattico fra Turchia e Russia può non interessare granché il nuovo capo della Casa Bianca (Pentagono permettendo). Anche il ruolo strategico-militare della Nato viene ridimensionato, lo starne dentro o fuori di Ankara non deflagrerebbe come una minaccia. Siamo comunque nel terreno delle congetture. I tentativi erdoganiani di strappare Gülen dal dorato ritiro americano e portarlo come trofeo a un processo in casa, che produrrebbe consensi stratosferici al presidente, non dovrebbe essere semplice.

A meno che proprio lui non dovesse spingere su un acceleratore pericoloso: l’islamismofobia che circola nello staff Trump. Ne ricorda qualche esempio un editorialista del quotidiano liberal Hürriyet: sia il responsabile della Sicurezza Michael Flynn, sia il direttore della Cia Pompeo vedono nell’Islam un demone assoluto da combattere, il primo trasformando l’irrazionalità in disegno razionale e praticabile, il secondo cercando capri espiatori, meglio se organizzati come nazione con cui si hanno conti in sospeso: l’Iran. E non sono i soli. Il nuovo Segretario di Stato Rex Tillerson è conosciuto come un anti musulmano di vecchia data, che parla di colpire il Daesh e Qaeda, ed Hezbollah e la Fratellanza Musulmana, senza distinguo né soluzione di continuità. Con questi uomini e la campagna d’intenti manifestata dall’outsider diventato primo cittadino d’America l’intento potrebbe risultare un ottimo argomento per sfrattare l’imam dal suo rifugio. Ma ovviamente non finirebbe lì. S’innescherebbe non solo un processo che riguarda un pezzo della comunità statunitense, ne verrebbe coinvolto lo stesso progetto islamista del presidente turco. Così il piano d’estradizione di colui che Erdogan presenta come il maleficio del Paese difficilmente potrà avverarsi. Seppure col ciclone Trump l’impensabile può diventare reale e il presidente-sultano sia un politico cui piacciono i grandi rischi.
26 gennaio 2017

articolo pubblicato su http://enricocampofreda.blogspot.com

Enrico Campofreda

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «I cento volti della Turchia»

Ultime notizie dell'autore «Enrico Campofreda»

5115